• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Ring, il Pagellone (in Nero)

Pubblicato da Leo Turrini Dom, 24/07/2011 - 18:51

Uffa, domani è una giornata complicata, tra autostrade tedesche e volo.

Meglio se il Pagellone Tedesco lo comunico al popolo cloggaro sin d’ora.

Vado?

Vado.

CLOG, 10. Naturalmente il voto è ai Resistenti che si sono ribellati al disguido tecnico. Il tracollo telematico merita uno zero spaccato e mi ha ricordato la Ferrari di inizio mondiale (va mo là). Ok, sono cose che possono accadere e però mi sono preso una incazzatura che la metà bastava, tipo Massa ad Hockenheim un anno fa, eh eh eh.

HAM, 10 e lode. Ora, facciamola corta. Ho scritto come la pensavo nel 2007. Poi mi è accaduto di aggiungere che talvolta il Nero dava l’impressione di cadere vittima della Sindrome Mandingo (o Balotelli). Ma quando tiene sotto controllo i neuroni, è un fenomeno. Una spanna sul resto della concorrenza. Qui i neuroni li ha controllati e credo che chi ama l’automobilismo, a prescindere dal tifo, sia rimasto felicemente ammirato.

ALONSO, 9. Raikkoniani amici miei, vedove raikkoniane mie sorelle, ebbene, sì. Fatevene una ragione. Nando ci ha messo una pezza anche quest’anno. Dubito possa riaprire il discorso mondiale, però ha ragione quando dice che tra Valencia-Silv-Ring, con tre regole diverse e su tre circuiti diversi, lui ha lottato sempre per vincere. Ciò significa che nelle nove gare che restano la Ferrari non sarà più nel sottoscala e dunque onore al merito a chi la guida, perché poi secondo me in questa stagione Alonso è stato praticamente perfetto. Sorry, che ci posso fare?

COSTA, 9. Ah, sì. Insomma, se c’è uno che l’aveva detto, prima e dopo Barcellona, era Aldone. Avrà tirato a indovinare, non lo so. Ma la registrazione dopo il Gp di Spagna (e prima della cacciata) nella quale lo si sente dire: per me, con le modifiche che stiamo preparando, li andiamo a prendere, ecco, io ce l’ho. Amen. Com’è la storia che conta essere al posto giusto nel momento giusto?

RED BULL, 0. Facciamo così. E’ tutto un complotto. Ecclestone ha parlato ai bibitari e gliele ha cantate. Lattinari, se andate avanti in un certo modo ad agosto si chiude baracca e tra Belgio-Italia-resto del mondo io che ciofeca vendo ai miei sponsor?

Bene. Se è una cospirazione, se vanno piano apposta, sono dei geniacci. Io parlo per quello che vedo. Qui al Ring ho visto, in gara, con i gas di scarico di una volta, la Red Bull andare più piano della Rossa e della McLaren. E non di poco.

Colpa del freddo? Boh. Sono stati raggiunti, come diceva Aldone nostro? Mah. Di sicuro fa effetto sentire Vettel (0, ha vissuto un week end penoso) e Webber (4, ma come cappero fai a partire così? Sembrava mia zia Tegrinda, mannaggia) dire che il caldo in Ungheria li aiuterà e che serve immediatamente un intervento sulla macchina.

Mistero!

SCHUMI, bene bravo 7+ (come dicevano Cochi e Renato). Ragazzi, io mi adatto al pensiero otelmico, cioè quasi quasi adotto Otelma. Dico, ha quasi 43 anni, il vecchio zio! Visto con che grinta si sbatte per un ottavo posto? Secondo me, è un caso clinico. Però, la commozione si somma alla nostalgia e prevale sul disagio. Dai, Vecchio, vai. Io sono con te, va mo là.

IL DADO, 0. Non è tratto ma estratto, quello del box Ferrari a proposito dell’ultima sosta di Massa (6 perché Vettel se l’era tenuto dietro, ma tra lui e Alonso ormai c’è una voragine che altro che la Fossa delle Marianne). Una volta quelli di Maranello erano i migliori, in sede di pit stop. Adesso, ehm ehm ehm. E meno male che era in palio solo (faccio per dire) un quarto posto. Dimmi te se ci si giocava un mondiale…

Appunto, dimmi te.

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.