• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

Ultimi blog aggiornati

arte e cultura

Preghiera sì, ma con il cuore!

Mettere in relazione Scienza e Fede non è mai un’impresa facile, come dimostrato da diversi studi scientifici sulle proprietà terapeutiche delle orazioni, che danno spesso risultati di difficile interpretazione. La Semeiotica Biofisica Quantistica è però in grado di verificare se una preghiera, a seconda della sua qualità, possa avere, o meno, effetti biologici su dei beneficiari a distanza.

leggi tutto | blog di caotino |

Una frase del generale Montgomery

"Sono un uomo sbagliato, ma non un debole"

Sir. Bernard Law Montgomery

blog di Ermanno Eandi |

Alta fedeltà Sorrentino: ecco il film della sua vita musicale

E' come se Rob Fleming, il 35enne proprietario di "Championship Vinyl", protagonista del romanzo di Nick Hornby "Alta fedeltà", si fosse messo dietro la macchina da presa e avesse girato un film. Probabilmente Rob avrebbe scelto come protagonista il Boss, Bruce Springsteen e avrebbe inserito come titolo del film e come colonna sonora un paio di pezzi memorabili del Boss. A cominciare da "Born to run". Ma Fleming, prodotto (nemmeno tanto poi) della fantasia di Hornby, fortunatamente non fa il regista e non si è mai messo dietro una macchina da presa.

leggi tutto | blog di Matteo Massi |

Con Galan la Biennale diventa uno spot

 

REO di aver ridato lustro alla Biennale di Venezia, il presidente Paolo Baratta deve cedere il posto a Giulio Malgara.

leggi tutto | blog di Achille Scalabrin |

Come Steve Jobs ci ha cambiato la vita

One more thing. Era diventata ormai una frase familiare e appena Steve arrivava a pronunciare la parola one, in un millesimo di secondo, cresceva l'eccitazione. L'eccitazione nel sapere che cosa sarebbe venuto dopo. Perché quello che sarebbe venuto dopo, avrebbe sicuramente rivoluzionato tutto quello che c'era prima. Ci avrebbe convinto a comprare qualcosa che ritenevamo eccezionale, solo ascoltando le sue parole, prima ancora di toccare con mano il prodotto.

leggi tutto | blog di Matteo Massi |

Si ferma anche Ivano Fossati

La crisi dei sessant'anni. Vasco Rossi non li ha ancora compiuti (lo farà a febbraio), ma ha già detto che nel 2012 si dimetterà da rockstar. Ivano Fossati che ha spento le candeline un paio di settimane fa, ha annunciato, con un tempismo niente male, che quello che esce oggi è l'ultimo disco. Il titolo è tutto un programma "Decadancing". Lui non si dimette da rockstar. Perché rockstar non lo è mai stata, anche se gli inizi promettevano bene. Cantautore?

leggi tutto | blog di Matteo Massi |

Ricominciamo dalla luce

Nel bello spettacolo di Sabina Guzzanti, lei a un certo punto dice:

oggi faccio più fatica a comprendere chi non è arrabbiato di chi lo è.

leggi tutto | blog di Federica Isola |

San Zennaro miracolato

 

IL FAMOSO TUNNEL dei neutrini, il ‘manufatto’ che secondo la Gelmini collega Svizzera e Abruzzo, è crollato addosso a Massimo Zennaro, portavoce del ministro dell’Istruzione. Per omesso controllo sul comunicato-gaffe, è stato indotto nei giorni scorsi alle dimissioni.

leggi tutto | blog di Achille Scalabrin |

Quello che rimane degli Oasis: le solite liti e una profonda nostalgia per il Brit Pop

Due coincidenze e un po' di (sana) nostalgia. Noel Gallagher, l'ex metà degli Oasis (l'altra è suo fratello Liam), arriva in Italia proprio quando sulle nostre tv va in onda uno spot, quello della Vodafone, con Whatever degli Oasis, il singolo che uscì subito dopo il primo disco della band di Manchester (Definitely Maybe) nel 1995. Noel, dopo il litigio con il fratello Liam nei camerini di Parigi, non ha abbandonato i propositi di rockstar e continua a sparare ancora amenità del tipo ("Gli Oasis?

leggi tutto | blog di Matteo Massi |

Tinariwen, il rock del deserto che i grandi "copiano"

Ibrahim sa costruire chitarre. Ma sa anche suonarle. E lo fa piuttosto bene. Ibrahim è il cuore, la mente e il leader dei Tinariwen. Una band del deserto anche nel nome: "Tinariwen" infatti, in lingua Tamashek, quella dei tuareg, significa proprio deserti. Con questi pochi indizi i Tinariwen sembrerebbero il solito gruppo di world music capace di far ballare nelle piazze gente che sogna orizzonti lontani. Solito però non è proprio l'aggettivo che si addice ai Tinariwen.

leggi tutto | blog di Matteo Massi |
Syndicate content