• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Buona la prima per "Scialla!"

Pubblicato da Silvia Mastrorilli Lun, 05/12/2011 - 12:31

Buona la prima per “Scialla!”. L’esordio di Francesco Bruni è un film senza pretese e grandi ambizioni che però funziona e diverte. Mette allegria a cominciare da quella sua musichetta irresistibile che percorre tutta la pellicola e accompagna le gesta del protagonista, l’adolescente Luca che scopre a 15 anni di avere come padre Bruno, Fabrizio Bentivoglio, ex professore svogliato che campa con le ripetizioni e la scrittura di biografie, prefetto nel suo ruolo di inetto.

Nell’incontro scontro fra questi due universi quanto più diversi l’uno dall’altro, dove il simpatico romanesco del ragazzo cozza con il fastidioso e antipatico accento veneziano del padre, tanto più simpatizzi con il tenero sorriso del giovane Filippo Scicchitano -  racchiuso in un fisico da duro che però tradisce una voglia di calore e affetto -  quanto più t’infastidisce l’inadeguatezza di Bentivoglio che, fuori tempo massimo, prova a fare il padre, senza volerlo realmente, salvo poi riuscirci, a fine film, salvando il figlio dalle botte di un tipaccio, che riconosce in Bruno il suo eroico prof. d’italiano indimenticato.  

Un film sulla difficoltà di essere padri ma anche su quella di essere figli, affrontata però con quella leggerezza che è il segreto del successo della pellicola: senza patemi, come suggerisce il titolo del film “Scialla”, intercalare romanesco che significa ‘rilassati’, ‘stai sereno’, ripetuto come un mantra per tutto lo svolgersi della storia. “Scialla, il telefono squilla/ Scialla, non ha suonato la sveglia/ Scialla, il mondo è fuori che aspetta/Scialla va tutto va secondo i piani”.

 

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.