• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Bisogna saper gestire il ko di Catania

Pubblicato da Luca Serafini Ven, 24/09/2010 - 21:11

Con il Napoli domenica alle 12.30 si vedrà anche la forza mentale della squadra, di come saprà metabolizzare, gestire il ko di Catania. In questo splendido avvio di campionato sia il gruppo che l'allenatore hanno dimostrato d'avere forza mentale, di non modificare mai l'atteggiamento anche nelle difficoltà; con il Lecce l'esempio più eloquente. E domenica contro un Napoli infuriato dopo il ko col Chievo, bisognerà dimostrarlo, essere capaci di farsi scivolare addosso la caduta di Catania: sacrosanta contro una squadra che in quell'occasione si è rivelata più forte. Intanto al Manuzzi dovrebbe esserci un emissario azzurro per visionare Giaccherini ma soprattutto il Cesena dovrà trovare maggiore precisione e fluidità (e attenzione in fase difensiva) rispetto al Massimino dove, soprattutto nel primo tempo, è stato completamente imbrigliato da un avversario che si è mosso perfettamente e con le stesse armi dei bianconeri: squadra corta, movimenti corale, in attesa e velocissima poi a ripartire. In A sia chiaro conta anche il 'mezzo punto', il Cesena prima però può e deve provare a giocarle tutte, altrimenti nella massima serie sarà morte sicura. Sette punti in 4 gare sono un bottino impensabile, l'unico neo e non piccolo è che per ora quasi tutte le formazioni che potenzialmente dovrebbero lottare per la salvezza  con i bianconeri,  stanno facendo bene.

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.