• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Saccheggi d'Italia. Dopo i Mille serve un'altra impresa

''Lui l'ha unita. Tu puoi salvarla''. Con questo slogan e l’immagine di Garibaldi, il Fai lancia il censimento 2010 dei 'luoghi del cuore'. Ottima idea, quella di chiedere agli italiani di indicare le località che meritano di essere tutelate. Un borgo, un oliveto, una pieve, una spiaggia da sottrarre ai barbari. Il sacco d’Italia c’è già stato e continua, ma forse siamo ancora in tempo a proteggere qualcuno dei ''luoghi inconfondibilmente italiani in cui ognuno di noi può ritrovarsi'', come dice la pubblicità.

salva e condividi

Il salto del Quagliariello

Nei talk show televisivi deve parlare un unico esponente del Pdl, ovviamente espresso dalla maggioranza del partito. Dopo lo scontro tra Berlusconi e Fini, <non possiamo sopportare che diventi un'abitudine che due persone elette nello stesso partito vengano invitate nei salotti del piccolo schermo in quanto portatori di due posizioni diverse>.

salva e condividi

Cartellino rosso per D'Alema. Presidente, vada....

E' già su Youtube, e non poteva essere diversamente, quel perentorio <vada a farsi fottere> lanciato ieri sera da Massimo D'Alema contro Alessandro Sallusti, durante la puntata di Ballarò. Ovviamente il filmato dello scontro è anche nei siti di informazione, e chi lo avesse perso se lo può guardare comodamente. Merita. Perché in quei pochi minuti va in onda uno spaccato del malsano rapporto che intercorre tra stampa e politica.

salva e condividi

I siti antisemiti fanno boom

L'antisemitismo corre sulla rete, ma questa non è una novità. Già un anno fa, si contavano nel mondo oltre tremila siti il cui unico scopo è quello di spargere odio contro gli ebrei. Purtroppo il fenomeno è in aumento e gli allarmi si rinnovano. La polizia postale vede su Internet il propagarsi della piaga e studia i rimedi; anche i parlamentari che si occupano dell’indagine conoscitiva sull’antisemitismo cercano possibili soluzioni; la comunità ebraica chiede giustamente tutela. Ma non illudiamoci.

salva e condividi

Toaff, i 95 anni di un grande italiano

''Un grande patriota, un uomo di fede, un uomo di speranza». Il ritratto più fedele di Elio Toaff è in queste parole di Carlo Azeglio Ciampi, amico di una vita. L’ex Capo dello Stato le pronunciò festeggiando il novantesimo compleanno del rabbino emerito di Roma. Oggi, che rav Toaff di anni ne compie 95, sono scolpite nelle coscienze di ebrei e non, a indicare una biografia di un grande italiano.

salva e condividi

Craxi (Stefania) e piazzale Loreto

Sostiene Stefania Craxi, sottosegretario agli Esteri del governo Berlusconi, che in occasione del 65° anniversario della Liberazione sarebbe stato opportuno, per rappresentanti della politica e delle istituzioni, recarsi a piazzale Loreto ''per un atto di cancellazione dell'atroce oltraggio inflitto al cadavere di Mussolini''. Quel luogo milanese, ricorda la medesima, fu teatro - in momenti diversi - di due tragedie.

salva e condividi

La Resistenza, storia in via di estinzione

Il presidente pidiellino della Provincia di Salerno cancella la Resistenza dai manifesti per il 25 aprile perché ''a liberarci furono gli americani e non i partigiani''. Il sindaco leghista di Mogliano Veneto avrebbe preferito che la banda musicale oggi suonasse la ‘Canzone del Piave’ al posto di ‘Bella ciao’.

salva e condividi

La giovane trota padana

"No, non tifo Italia. E poi bisogna intendersi su che cosa significa essere italiano. Il tricolore, per me identifica un sentimento di cinquant'anni fa". Parla chiaro il neo consigliere regionale leghista, eletto a Brescia con 13 mila preferenze, Renzo Bossi, detto (dal padre) la trota. Annuncia per tempo che per prossimi Mondiali di calcio in Sudafrica non avrà a cuore le sorti della Nazionale azzurra (lui, in fondo, è il team manager della Nazionale della Padania). E fin qui nulla di grave.

salva e condividi

La tariffa strozza-editori

In men che non si dica, a fine marzo il governo ha abolito le agevolazioni sulle tariffe postali per gli editori. Se per ogni spedizione prima pagavano 0,97 centesimi, ora dovranno sborsare 7 euro, e l’aumento è pari al 700 per cento. La gabella dovrà essere pagata anche da biblioteche, organizzazioni e centri culturali, centri studi, enti locali, onlus, vale a dire quanti fanno cultura e hanno la pretesa di diffonderla.

salva e condividi

Quei lettori di Gomorra

''La mafia italiana risulterebbe essere la sesta al mondo, ma guarda caso è quella più conosciuta, perchè c'è stato un supporto promozionale che l'ha portata ad essere un elemento molto negativo di giudizio per il nostro paese.

salva e condividi
Syndicate content