• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Aspettando il vaccino, boom dei farmaci anti fumo

Pubblicato da Lorenzo Sani Mer, 30/01/2008 - 18:44

(Adnkronos/Adnkronos Salute) - Il 'popolo delle biondè conta milioni di adepti in tutto il mondo. Ma 'pentiti della sigarettà aumentano e i farmaci per smettere diventano un business sempre più florido. Secondo una ricerca condotta da Datamonitor sui 7 principali mercati farmaceutici (Usa, Giappone, Germania, Regno Unito, Francia, Spagna e Italia), il giro d'affari legato ai prodotti per la disassuefazione dal fumo arriverà nel 2016 a 4,6 miliardi di dollari, contro i 213 milioni archiviati nel 2006. Il mercato relativo a questi medicinali aumenterà al ritmo del 16% l'anno, calcolano gli esperti.
Almeno fino a quando sbarcheranno sul mercato i nuovi vaccini contro la dipendenza dalla nicotina, che promettono di aiutare i tabagisti a dire addio al pacchetto sconfiggendo i sintomi della dipendenza.
I sieri 'anti-biondà in sperimentazione sono al momento due: il NicVAX dell'americana NabiBiopharmaceuticals e il NIC002 (ex CYT 002-NicQB) co-sviluppato in partnership dalle svizzere Cytos e Novartis (i diritti mondiali sul prodotto sono stati acquistati dal colosso basilese l'anno scorso). Entrambi agiscono stimolando la produzione, nel sangue del fumatore, di anticorpi diretti contro la nicotina. Proteine che
'intercettanò la nicotina bersaglio nella circolazione periferica, la catturano e le vietano l'ingresso nel Sistema nervoso centrale, bloccandone così l'effetto biologico e impedendole di 'avvelenarè l'organismo. Secondo gli analisti di Datamonitor, riferisce l'Apm, il vaccino di Nabi dovrebbe sbarcare sul mercato nel 2010 mentre quello
di Novartis nel 2012. Una previsione, quest'ultima, in linea con quella del gigante renano: «Il prodotto è in fase II - riferisce
all'ADNKRONOS SALUTE la filiale italiana di Novartis - I trial di fase clinica III sono programmati per il 2009, il lancio nel 2013».Quanto invece al NicVAX, si legge sul sito di Nabi, il vaccino è giunto alle fase IIb di sperimentazione clinica e nel 2006 l'agenzia regolatoria americana Food and Drug Administration (Fda) ha accordato al prodotto una procedura accelerata per il trattamento della dipendenza da nicotina.
Il siero 'made in Usà dovrebbe dunque vedere la luce prima di quello 'made in Swiss', ma gli analisti di Datamonitor prevedono un destino migliore per il secondo vaccino, che potrà contare sulla maggiore forza di Novartis in fatto di marketing e rete vendite. In termini di fatturato, quindi, per Datamonitor, il NIC002 dovrebbe
raggiungere entro il 2016 vendite pari a 1,3 miliardi di dollari, contro i 706 milioni attesi per NicVAX nei 7 mercati farmaceutici 'top'. Tutti e due i sieri sono iniettabili e puntano a offrire una disassuefazione duratura.
In attesa di 'immunizzarsì contro la dipendenza da fumo, comunque, l'arma di riferimento per chi deciderà di farla finita con posacenere e cerini rimarranno i farmaci antifumo già disponibili: un'ampia gamma di prodotti Otc fra cui gomme da masticare e cerotti, oltre ai due prodotti da prescrizione Champix/Chantix (vareniclina) della statunitense Pfizer e Zyban (bupropione) della britannica GlaxoSmithKline. In particolare, leader di mercato, secondo il report di Datamonitor, è Champix, le cui vendite sui 6 principali mercati (Giappone escluso)dovrebbero balzare dagli 87 milioni di dollari del 2006 a gli oltre 2 miliardi di dollari (2,05) nel 2010, arrivando già ques'anno a 1,34 miliardi. E la disponibilità di questi nuovi prodotti efficaci, prevedono gli esperti, potrebbe anche aumentare il numero di fumatori che per smettere chiedono aiuto al medico. Al momento, infatti, tra i 116 milioni di persone 'col viziò stimate nei 7 principali mercati farmaceutici prevale il 'fai-da-tè: soltanto il 5% dei 'pentitì si rivolge a un 'camice biancò.

(Sal/Ct/Adnkronos) 28-GEN-08 13:50 NNN

|
salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.