• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Amianto, la strage infinita continua nel silenzio

Pubblicato da Lorenzo Sani Gio, 16/10/2008 - 15:47

TUTTO si può dire degli antichi greci, tranne che non avessero la vista lunga. Parlando di quel minerale filamentoso che veniva impiegato per confezionare i manti funebri dei re, usarono l’aggettivo «inestinguibile», che assurse alla dignità di sostantivo: asbesto.

 Inestinguibilità e morte ricorrono ancora oggi, a millenni di distanza, quando si parla dell’ amianto. Torino ha chiuso l’inchiesta per la strage dell’Eternit, a Genova è invece più che mai aperta quella sulle pensioni “taroccate”, erogate in virtù della legge 257/92 che dovrebbe tutelare i lavoratori esposti alla sostanza e non i furbetti, o le aziende che spesso hanno intravisto un comodo ammortizzatore sociale. Il risultato è che chi rischia di ammalarsi, rimane al lavoro, chi è stato più “scaltro” fa il baby pensionato e le aziende scaricano sull’Inps.

Ogni tipo di stortura e criminale omissione è stata consumata in nome dell’amianto, a cominciare dall’evidenza della sua nocività. Che fosse letale si sapeva dal 1965, quando la New York Academy of Sciences denunciò i suoi effetti biologici. L’Italia è stato il secondo produttore europeo dopo l’Urss e il principale “consumatore”. L’amianto è ancora dappertutto, nella composizione di oltre 3000 prodotti di larghissimo consumo. A dieci anni dalla messa al bando, datata 1992, secondo il Cnr i rifiuti dell’asbesto erano secondi soltanto a quelli solidi urbani per volume.

In Italia c’erano ancora 2,5 miliardi di metri quadri di coperture, in gran parte friabili. Il regolamento del registro nazionale dei mesoteliomi, i tumori legati all’amianto, è del 2003. L’Olanda l’aveva nel 1969, il Regno Unito nel ’67, Germania e Francia nel ’73 e ’75. Tra regione e regione c’è una disparità macroscopia di interventi. Mancano i soldi, si dice. E si continua a morire.

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.