• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

La mia Africa. Il Mondiale in Tv

Pubblicato da Michele Sabattini Mar, 15/06/2010 - 09:56

Poltrona, canotta griffata di sugo, birra a portata di mano e Tv accesa 24 su 24. Una volta ogni 4 anni la noia è tutto il resto 

Salvatore Bagni:Montolivo migliore in campo, Pepe straordinario, Gilardino encomiabile e azzurri ottimi. Quando, assecondando una timida critica di Civoli, ammette che Iaquinta fuori ruolo non rende, quasi quasi ci si rimane male. Suvvia, non sta bene. Graffiante. Voto 5-.

Marco Civoli: Non ha il cambio di ritmo e non è un mostro di competenza. Ma rifugge le esagerazioni e ha il merito di non prendersi mai troppo sul serio. Anche lui, come Bagni, si distingue per la linea 'tarallucci e vino'. Ma se l'Italia non vince la sua valutazione inevitabilmente scende. Voto 5,5

Carlo Paris: A metà ripresa causa problema tecnico il 'sound' dei suoi interventi da bordo campo assume la modalità megafono: “Donne correte, è arrivato l'arrotino, arrotiamo ombrelli, aggiustiamo coltelli”. In realtà sta dicendo che Camoranesi ha finito il riscaldamento ed è pronto a entrare. E le donne rimangono in casa. Voto 8. 

Fabio Caressa: Coreografico come sempre, emotivo, ma meno del solito. A differenza di Civoli si prende un po' troppo sul serio e talvolta si eleva a ranghi che non gli competono. Ma le 2 o 3 volte in cui il capitano sfodera interventi degni di cotanta fama, il “Cannnnavaro” che esce dalle sue labbra mette i brividi come nel 2006. Episodi isolati: ci crede meno anche lui. Voto 6,5. Di nostalgia.

Beppe Bergomi: Esempio isolato di saggezza calcistica in un panorama televisivo avaro di talenti. E' anche più coinvolto del solito per essere la prima del girone. Pathos da ottavi, per uno freddo come lo 'Zio'. Che stia stringendo i tempi? Voto 7. Torniamo a Berlino(oooo)

Mal d'Africa

Italia-Paraguay. Meravigliosa la sequenza in cui gli alfieri Rai esaltano la difficoltà del goal di De Rossi. Quel ripetere “Non era facile” accostato al replay della rete insinua qualche legittimo dubbio. Manca giusto “Il portiere ha fatto il possibile”, per convincersi davvero di aver visto un'altra partita.

La colonna sonora di queste prime partite del Mondiale non è 'Waka Waka' di Shakira, ma la già mitica vuvuzela. La melodia di questa folkolristica trombetta ad aria risulta divertente e originale per i primi 3 minuti, stanca gradualmente nei successivi 8 e diventa insopportabile dall'11esimo in poi. Della prima partita, ovviamente. Non serve vietarla, basta che i tecnici del suono presenti in massa sul posto si sforzino per isolare quel fastidioso rumore stile condizionatore forza nove/portatile surriscaldato.Più che tormentone tormento.

“Donne e buoi dei paesi tuoi”. Poi inquadrano gli spalti durante Olanda-Danimarca e capisci che tutto il mondo è paese.

Repetita Iuvant. Sudafrica – Messico, minuto 79, pareggio di Marquez. Collovati: “E' un goal probabilmente inaspettato, inaspettato per il Messico che non se lo aspettava”.

La coppia Galeazzi/Costanzo a Notti Mondiali mette un po' di malinconia. Non tanto per Bisteccone, piuttosto in forma, quanto per il buon vecchio Maurizio, uno che anni fa in Italia contava parecchio, in salotti di ben altro spessore. Le gag in 'romanaccio' con Galeazzi fanno ridere fino a un certo punto. Ma la frecciatina a Radio Padania sull'inno è degna del vecchio leone.

Durante Italia-Paraguay le telecamere inquadrano due tifosi mascherati da un noto campione di 'wrestling' Usa. Speriamo di vederlo al più presto in campo.

Era un difetto del mio televisore o durante le interviste di Camoranesi e Zambrotta a Notte Mondiali c'era un sospettissimo audio aperto in sottofondo con commenti non propriamente british? 

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.