• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

La mia Africa. Il Mondiale in Tv

Poltrona, canotta griffata di sugo, birra a portata di mano e Tv accesa 24 su 24. Una volta ogni 4 anni la noia è tutto il resto

salva e condividi

Argentina, quando uno spot sulla Nazionale fa sognare oltre la crisi

A volte la fantasia, mescolata alla passione, può far dimenticare per un attimo i problemi della vita quotidiana e regalare un sorriso. Questo devono aver pensato i vertici di Coca Cola quando hanno ideato lo spot per i mondiali. E il risultato è davvero coinvolgente.

salva e condividi

Il sindaco di Appiano sui 'piloti' nerazzurri: "Sì all'autovelox, ma dopo la Champions"...E io pago!

SU ‘STRISCIA’ PERFORMANCE DA F1 NERAZZURRI, ‘LASCIAMOLI CALMI’ (ANSA)

salva e condividi

Vinokourov in rosa, Valverde al Tour e Riccò a casa: i conti non tornano

Strade strette, gruppo che viaggia a 70 all'ora e spartitraffico che sbucano all'improvviso: Evans cade, perde 40 secondi e lascia il comando del Giro d'Italia a una vecchia conoscenza kazaka.

salva e condividi

Totti-Balotelli: è guerra. Francesco: “Insulti contro una città e un intero popolo”

 

Il Pupone rincara la dose. Si scusa per il gesto, dettato dal nervosismo, ma non con chi l'ha subito. Sul suo sito lancia un implicito 'Daspo' per Balotelli all'Olimpico. Roma e i romanisti devono saperlo: quel bullo bresciano ha infangato l'onore della capitale giallorossa.

salva e condividi

Gallinari, niente diplomazia: l'Nba è una scelta. La maglia azzurra pure

Dopo una settimana di indiscrezioni, di buoni propositi e di corteggiamenti ecco la doccia fredda: il 'Gallo' ha detto no. Per qualificarsi a Euro 2011 e cullare speranze olimpiche l'Italia dovrà fare a meno di lui.

salva e condividi

Colomba non ci vede benissimo, ma la fortuna sì. Questa mentalità è perdente

Un campionato dura 38 giornate, non 90 minuti. Se così non fosse, zero dubbi: tra Atalanta e Bologna la serie A la meriterebbero i bergamaschi. I rossoblù devono ringraziare la Dea Bendata e Maximiliano Pellegrino, difensore nerazzurro i cui panni nessuno oggi vorrebbe vestire.

salva e condividi

L'assedio è finito: l'Inter è in finale. E con pieno merito

Finisce così, con Mourinho che corre sull'erba di Barcellona con occhi spiritati e indice puntato al cielo. Urla, e da solo zittisce gli 87 mila del Nou Camp. Niente da dire, stavolta ha ragione lui.

salva e condividi

Balotelli, ora o mai più: via dall'Inter e dall'Italia per tornare uno dei tanti

Ce l'ha messa tutta, di più non poteva fare. E adesso tutti li ha contro, dal primo all'ultimo. Società, allenatore, compagni e tifosi: da questa sera Balotelli è solo. Non che prima fosse circondato da amici, ma tanti almeno credevano ancora in lui. Ora non più. E viene quasi da pensare che fosse proprio quello che lui voleva.

salva e condividi

Totti: pollice verso. In tutti i sensi

Pollice verso. Così il Pupone ha voluto salutare i suoi tifosi dopo la vittoria nel Derby della Capitale. Più che un calciatore, più che un capitano, più che un campione del mondo: un gladiatore. E nell'arena è sceso anche Paolo Di Canio, cuore e mito laziale, che ha difeso lo storico nemico sostenendo che nell'agone della contesa un gesto così “ci può stare”.

salva e condividi
Syndicate content