• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Ogni 15 ottobre il volo vincente della 'Farfalla Granata'

Pubblicato da Francesco Prandini Sab, 15/10/2011 - 17:35

Il 15 ottobre è una data simbolo della storia del Torino. E anche oggi, 15 ottobre 2011, la storia e il destino granata si sono volutamente baciati. Il Toro batte 1 a 0 la Juve Stabia col gol del solito Rolando Bianchi e vola in serie B con sei punti di vantaggio su Padova e Sassuolo. Beh, fin qui è tutto normale. Una squadra forte, costruita per vincere, che ne piega un'altra, la Juve Stabia, allestita per salvarsi.

E invece no. Il Toro, il 15 ottobre, deve vincere per diritto divino. O almeno così è dal 15 ottobre del '67, quando, per un incredibile quanto bastardo destino, l'ennesimo nella centenaria storia del Toro, la 'Farfalla Granata' Gigi Meroni viene investita in Corso Umberto I (tra l'altro dal futuro presidente granata Attilio Romero) spegnendo per sempre la sua carriera e, ahinoi, la sua vita a soli 24 anni.

Da quel maledetto 15 ottobre, ogni qualvolta il Toro giochi in questa data non c’è altro risultato che la vittoria, vero e proprio omaggio alla figura del 'quinto beatle'. Meroni amava i Beatles, ascoltava il jazz, dipingeva, tagliava e cuciva da solo i propri vestiti, girava con un cappello di paglia in testa e una gallina al guinzaglio, curava nei minimi particolari la sua Fiat Balilla, caratteristica per la sua indimenticata tappezzeria granata.

A Torino era ed è tuttora un idolo incontrastato. E 44 anni dopo, ogni 15 ottobre, il Toro vola. Sempre nel segno della 'Farfalla Granata'.

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.