• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Medio termine: tracollo democratico?

 

NEW YORK, 29 ottobre 2010 - L’America negli ultimi 2 anni, non ha solo cambiato presidente. Sta anche cambiando umore. Adesso, se possibile, sembra un paese ancora più diviso di quanto non fosse nel 2008 alla fine della presidenza Bush. Riemergono tensioni etniche e razziali rimaste malamente sottopelle. I democratici che controllano tutto sono sulla difensiva per gli scarsi risultati ottenuti soprattutto sulla disoccupazione.

salva e condividi

Lascia il generale Jones. Obama punta sui fedelissimi

L’America rimane una nazione in guerra dice il presidente. Ma la Casa Bianca questa volta perde un  generale. Obama dopo appena 2 anni ha già cambiato metà del suo staff e ieri a lasciare l’amministrazione democratica è stato il consigliere per la sicurezza nazionale generale James Jones, l’ex capo dei marines che 20 mesi fa  Barack aveva richiamato dalla pensione per mantenere gli Stati Uniti più sicuri.

salva e condividi

Il 'tea party' sconvolge i repubblicani

L’invisibile 'tea party' in un tranquillo martedì di settembre, mentre le nuove macchinette elettorali che scannerizzano un’ enorme scheda di carta, almeno a New York sono risultate un semi fallimento e un insulto alla privacy, ha sconvolto il grande partito dell’elefante. Sta diventando lui il 'terzo' polo.

salva e condividi

il 'tea party' sconvolge i repubblicani

L’invisibile 'tea party' in un tranquillo martedì di settembre, mentre le nuove macchinette elettorali che scannerizzano un’ enorme scheda di carta, almeno a New York sono risultate un semi fallimento e un insulto alla privacy, ha sconvolto il grande partito dell’elefante. Sta diventando lui il 'terzo' polo.

salva e condividi

Barack lancia "la banca delle infrastrutture" per salvare le elezioni di novembre

Può darsi che  241000 chilometri di strade, 6000 chilometri di ferrovie veloci e 250 chilometri di piste d’atterraggio realizzati tutti insieme, non arrivino in tempo a salvare i democratici dalla possibilità di un “martedì nero” alle elezioni di novembre. Obama però è convinto che adesso tocchi alla classe media e preme sull’acceleratore degli investimenti pubblici. Forse poteva cambiare marcia prima dell’estate.

salva e condividi

I giovani voltano le spalle a Obama

Le previsioni di agosto che spesso non si avverano, sono devastanti. Anche i giovani, motore della sua vittoria nel 2008, hanno perso l’effetto "yes we can" e a Novembre non guarderanno più con simpatia al partito Democratico. Vuol dire che Camera e Senato Usa cambieranno maggioranza?

salva e condividi

Vertice israelo-palestinese: Obama prova dove Clinton ha fallito

Obama ha invitato a cena tutti quanti domani sera alla Casa Bianca, ma lo chef non si fa illusioni di servire il “menù della pace”. L’inizio  “senza precondizioni” di negoziati diretti fra israeliani e palestinesi segna un piccolo punto a favore del presidente Usa, ma l’intenzione di Netanyahu di riprendere gli insediamenti a Gerusalemme Est alla scadenza del congelamento fissato per il 26 settembre potrebbe azzerare subito quasi due anni di sforzi .

salva e condividi

Obama in trincea sulle staminali

 

Al giudice Royce Lamberth non interessa sapere che la ricerca sulle cellule che gli Usa guidavano da oltre un anno è una 'scelta cruciale' per una società moderna destinata a salvare tante vite umane, non solo in America ma nel resto del mondo.

salva e condividi

Usa e Onu, pressing su Israele

CI SONO le scuse tiepide di Netanyahu, le pressioni delle lobby ebraiche su Obama, la condanna di Ban Ki-moon che definisce gli insediamenti israeliani a Gerusalemme Est "completamente illegali". Lo strappo Usa-Israele rischia di approfondirsi, anche se a Washington sono in azione "gruppi di pompieri" in vista dell’arrivo di Netanyahu la prossima settimana nella capitale americana.

salva e condividi

La svolta di Obama: riacceso il nucleare trent'anni dopo

CON AHMADINEJAD il conto è sempre aperto e Washington non permetterà a Teheran di arrivare alla bomba atomica, ma sul fronte interno Barack Obama ha lanciato ieri quello che verrà definito uno storico «pragmatismo nucleare». Gli Stati Uniti dopo trent’anni tornano a puntare sui reattori. L’atomo potrebbe diventare il motore dello stimolo economico.

salva e condividi
Syndicate content