• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

arbitri disastrosi ma internazionali

Pubblicato da Simone Nozzoli Lun, 17/11/2008 - 19:22

Nonostante le ultime prestazioni sconcertanti in campionato, il mondo arbitrale italiano dal primo gennaio potrà vantare tre nuovi internazionali, che andranno ad aggiungersi agli attuali sette (De Marco, Dondarini, Rizzoli, Rocchi, Rosetti, Tagliavento, Trefoloni). Dopo lo scandalo di Calciopoli, il presidente degli arbitri Gussoni aveva giustamente preferito lasciare vacanti i posti, ma ora è tempo di tornare a pieno regime, anche per non lasciare spazio ad altre nazioni magari meno all'avanguardia dell'Italia.

Collina dice che non è stato ancora deciso niente _ c'è tempo fino al primo dicembre _, ma a giudicare dalle designazioni di queste prime dodici giornate di serie A i nomi dei candidati sembrano esserci già. O quasi. Il livornese Luca Banti, 34 anni, alla quinta stagione nella Can, e il cesenate Christian Brighi, 35enne con 7 stagioni di anzianità sembrano i grandi favoriti: entrambi hanno arbitrato 6 gare, ma il loro rendimento ha lasciato molto a desiderare soprattutto in queste ultime giornate, con Brighi addirittura disastroso in Atalanta-Napoli. Il terzo posto dovrebbe andare al genovese Mauro Bergonzi, non ancora 37enne e come Brighi alla settima stagione nella Can. Tutti e tre hanno fra le 40 e le 45 presenze in A (Banti 42, Bergonzi 45 con 5 in questo campionato e Brighi 47), ma nessuno di loro sembra in grado di rappresentare degnamente l'Italia in Europa. Ricordiamo infatti il rendimento tutt'altro che soddisfacente di altri internazionali, in carica ormai da anni: De Marco, Dondarini e Trefoloni continuano a commettere errori clamorosi, giustificabili per arbitri alle prime armi ma non per chi dovrebbe rappresentare la crema dei nostri fischietti.

Aggiungere altre qualifiche immeritate non farebbe altro che aumentare le difficoltà del designatore _ costretto nell'ultima giornata a schierare Rocchi addirittura in due partite _ e a rallentare il processo di ringiovanimento e riqualificazione della classe arbitrale italiana. A meno che Collina e Gussoni (tocca a loro indicare alla Federcalcio i nomi da presentare all'Uefa) non decidano di puntare su un nome nuovo: Daniele Orsato, di Schio, 33 anni domenica prossima e alla terza stagione nella Can. Ha meno partite all'attivo (26, delle quali 5 in questo campionato), ma ha più personalità ed è più bravo degli altri tre colleghi, ricordati soprattutto per i loro clamorosi errori (i due rigori inesistenti concessi da Bergonzi al Napoli contro la Juve nello scorso campionato hanno fatto storia...). Collina negli ultimi tempi ci ha abituato a sorprese, chissà che la prossima non sia proprio la promozione a internazionale di Orsato.

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.