• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Dimmi la torre che hai e ti dirò chi sei

Se è vero che i grattacieli di Milano sono diventati strumenti di una gara tra poteri, questa gara mi pare in contrasto con i tempi che corrono. Allo stesso modo giudico una perdita di tempo che Formigoni ci dica che il suo grattacielo è più alto della torre Garibaldi, nonostante che su questa abbiano collocato un’antenna di 78 metri. Alma, ilgiorno.it

salva e condividi

Lo schiaffo della storia

QUEL VOLTO deformato dalla morte violenta ricorda le foto di piazzale Loreto, con Mussolini a terra tra i corpi dei gerarchi. Ma a Mussolini fu risparmiata l’umiliazione di essere preso a schiaffi. Dalle cronache che ci sono giunte, semmai sono vere, risulta che i partigiani lo chiamassero con un residuo rispetto: «Cavalier Mussolini». Ma forse non andò così. Non si potrà pretendere la verità completa nemmeno per la fine del dittatore libico, che è stato l’ultimo tiranno del XX secolo. Un combattente, di questo gli va dato atto.

salva e condividi

New York batte Roma 1000 a 12

Le devastazioni di Roma sono anche il risultato di una politica che anziché valorizzare la scuola statale l’ha mortificata, diffamandola e privandola dei mezzi minimi per sopravvivere, calpestandone la dignità, svilendo il prestigio degli insegnanti e diffondendo la convinzione che sia una scuola che non insegna e che né premia né punisce. Giusto, ilgiorno.it

salva e condividi

Nel nome degli statali

QUEL CHE non è riuscito al Presidente Giorgio Napolitano l’ha fatto la dottoressa Anna Baroncini. Fino a ieri anonimo giudice del tribunale del lavoro di Roma, da oggi con buone probabilità di finire sui libri di storia come Giovanna d’Arco o Giuseppa Mazzini, patriota e salvatrice dell’unità nazionale, che da sola si è opposta alle forze cupe della disgregazione del paese, le quali avevano tramato aprendo alcuni ufficetti nella Villa Reale di Monza con il perfido intento di considerarli a tutti gli effetti sedi decentrate dei ministeri romani.

salva e condividi

Usa e Italia la differenza in due foto

La colpa di quello che è successo a Roma va cercata nella certezza dei black bloc di rimanere impuniti. Non insegniamo la differenza tra il male e il bene, il lecito dall’illecito ed è una colpa degli adulti e anche della classe politica prima ancora che dei giovani. Se non si danno buoni esempi non si può sperare di avere buoni cittadini. Ina, ilgiorno.it

salva e condividi

Da Pannella una lezione di tolleranza

Tra le scene più disgustose che ho visto delle devastazioni di sabato a Roma mi ha indignato soprattutto l’aggressione subìta da Pannella, che si è trovato circondato da ragazzotti che gli davano del buffone e traditore, a cui si è unito un uomo calvo, dunque non giovane, che gli ha detto pezzo di merda e gli ha sputato in viso. conte, ilgiorno.it

salva e condividi

Secessionisti del conto all'estero

Tutte le scuse sono buone per evadere il fisco. Parlo delle gite bancarie del movimento indipendentista “Veneto Stato” che organizza viaggi in Austria e Slovenia cui partecipano presunti secessionisti a cui preme solo aprire un conto nelle banche di quei due paesi. Che cosa aspetta la finanza a bloccare questi viaggi di esportatori di valuta? Fonte, ilgiorno.it

salva e condividi

La maggioranza rumorosa

VINCERE nel Parlamento non significa vincere nel Paese. Aver avuto la fiducia della Camera non autorizza a pensare che il governo abbia annullato la sfiducia che è cresciuta nei riguardi dell’esecutivo tra gli italiani, in modo particolare in quell’elettorato di centrodestra che ha sostenuto il governo Berlusconi e che quando torneremo a votare probabilmente voterà ancora centrodestra ma anche di questa certezza nella fedeltà non bisogna abusare perché potrebbe riservare sgradevoli sorprese.

salva e condividi

Impariamo dai cinesi come si fa

Dobbiamo imparare dai cinesi. Il partito comunista cinese ha accolto nel comitato centrale il capitalista numero uno, ovvero l’uomo più ricco della Cina. Senza suscitare scandalo. Così bisogna fare per vincere, stare compatti e unire le forze in modo da affrontare le sfide. Noi italiani invece siamo divisi su tutto e buoni solo a litigare. Sole, ilgiorno.it

salva e condividi

Grattacieli simboli del potere

Mi chiedo se in un mondo così complicato come l’attuale sia intelligente buttare via il denaro per soddisfare un’inconsistente vanità, che si bea di vantare il grattacielo più alto. Così mi pare sia la storia della Torre Garibaldi a Milano che grazie ad un pennone di 78 metri supererà in altezza il grattacielo di Formigoni, ovvero il Pirellone bis.Star, ilgiorno.it

salva e condividi
Syndicate content