• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Crisi, il gioco è truccato

Mi sento frastornato, ecco questo è l’aggettivo giusto, frastornato, non solo angosciato. Con la testa piena di annunci drammatici che mi impediscono di seguire la logica dei fatti e non mi danno il tempo di giudicare. Di positivo intravedo solo un po’ di amor proprio e un po’ di amor patrio ma rischiamo di essere travolti.leg, ilgiorno.it

salva e condividi

In Italia il tacchino siamo noi

Non vedo l’ora finisca questo periodo nero per l’Italia. Se è vero che il giorno più corto è il primo dei giorni più lunghi spero valga anche per noi e che stia per cominciare una stagione diversa. Non credo che la colpa sia di Silvio Berlusconi e dunque non penso basti un altro governo a cambiare stagione. Dobbiamo cambiare tutti.Ele, ilgiorno.it

salva e condividi

Non ci sono più sindaci come Bargellini

Trovo che lo squallore emerso nel comportamento del sindaco di Genova, Marta Vincenzi, che conosco fin da quando era del Pci, sia la conferma del decadimento della nostra classe politica, che non solo non ci rappresenta più ma di cui soprattutto proviamo vergogna. Sentirla accusare i genovesi di imprudenza mi ha ripugnato. leila, ilgiorno.it

salva e condividi

La solita alluvione di novembre

E' sconfortante che a tutti i nostri problemi si aggiungano anche le alluvioni. Ancora più sconfortante vedere l’incapacità di fronteggiare, non dico prevenire, questi disastri. Guardavamo sgomenti il fango delle Cinque Terre, quando altro fango e altra acqua hanno travolto Genova. C’è del sadismo nella natura. Emma,ilgiorno.it

salva e condividi

Zitti e mosca

CI MANCAVA solo l’alluvione ad unirsi al coro di quelli che ce l’hanno con il governo. Non è la traduzione del paradosso piove governo ladro, ma quasi. E a ragione. Nel senso che la sola cosa che non possiamo dire, che non possono dire i ministri e nemmeno i sindaci, come quello di Genova, che invece lo ripete da tre giorni invece di andare a spalare, é che non si poteva evitare. Quasi tutto si può evitare e invito a leggere Morleo qui sotto su alcune scelleratezze in Lombardia, che non può dirsi diversa dal resto d’Italia.

salva e condividi

L'arte di uscire di scena

Non capisco perché Berlusconi sia così sordo agli inviti di coloro che, anche tanti amici, lo consigliano di andarsene. Tutti abbiamo capito che è stanco di doversi difendere e che la sua stagione volge al termine. Ammiro la sua forza ma penso sarebbe meglio per lui gestire la sua uscita di scena prima che siano altri a costringerlo. Ricca, ilgiorno.it

salva e condividi

Crisi parola democratica

In cinese la parola crisi ha due significati opposti, pericolo e opportunità. Questa più che un’etimologia è un monito, che ci suggerisce quanto l’esito di questa crisi dipenda in primo luogo da noi e dalla nostra capacità nel saper capovolgere una situazione di difficoltà in una condizione nuova di benessere. Ottimismo! lori,ilgiorno.it

salva e condividi

Ma alla fine decide la volontà

Le pongo la domanda a cui tutti cerchiamo di dare una risposta e sulla quale mi interessa il suo parere. Come andrà a finire e che cosa ne sarà dell’Italia e di noi italiani? Improvvisamente mi sembra sia cambiato il mondo e che non basta più avere politici credibili ma piuttosto finanzieri abili e magari sordi alle domande del popolo. E’ così? rob,ilgiorno.it

salva e condividi

Pensi dunque trami

Ho sempre votato a sinistra e ho seguito con interesse il dibattito che si è svolto alla Leopolda sul Pd. Non ho mai avuto idee preconcette su Matteo Renzi, a cui ho anzi sempre guardato con curiosità ma alla fine, dovendo scegliere tra lui e Bersani, mi sono convinto che sto con Bersani. Questo sindaco di Firenze non mi convince. Alvaro, ilgiorno.it

salva e condividi

Ci vogliono coraggiosi non pavidi

Temo abbia ragione il ministro Sacconi nel rilevare i rischi terrorismo che rimangono in Italia e che possono riaccendersi sui temi del lavoro, come la tragica vicenda di Marco Biagi insegna. C’è una peculiarità dell’Italia, che è bene non dimenticare. In nessun altro paese occidentale i comunisti hanno avuto tanta influenza come da noi. Oli, ilgiorno.it

salva e condividi
Syndicate content