• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Tempi duri per Santoro

"Troppa grazia Sant’Antonio” è il titolo della storiella di uno che non riusciva a salire sul suo asino e che dopo aver chiesto aiuto al santo fece un balzo troppo in alto ricadendo anziché sulla groppa dall’altra parte del quadrupede. Così noi con i governi, quando fatti di gente troppo allegra e quando troppo seria. In media virtus. leo,ilgiorno.it

salva e condividi

Monti e gli insoliti ignoti

Confido che il governo Monti riesca nella sua impresa ma temo non abbia la forza per affrontare i problemi che lo attendono. Penso sia una persona qualificata e competente e sono certo, anche se non li conosco, che lo sono anche i suoi ministri ma il mondo della politica è un covo di vipere e mi chiedo se riusciranno a sopravvivere.Cami, ilgiorno.it

salva e condividi

Ma in che mondo vivono quelli del coro della Scala?

Ma in che mondo vivono? Li avete avvertiti che devono essersi persi in qualche parte della galassia, perché sulla terra sicuramente non sono. Non certamente su quella dove viviamo noi, dove vivono quelli che lavorano con serietà, quelli che sono senza lavoro, dove vivono quelli che non lo trovano e quelli che temono di perderlo.

salva e condividi

L'emozione di Buffon è la nostra

Ho visto Buffon nell’incontro con il Presidente della Repubblica e mi sono riconosciuta nella sua emozione, nella sua fatica di controllarla, nella sua difficoltà a trovare le parole adatte ad esprimere quanto caro ci sia il paese dove viviamo e quanto questo legame si rafforzi nei momenti in cui pare che gli eventi lo mettano in pericolo. raffi, ilgiorno.it

salva e condividi

Ho fatto un brutto sogno

Ho fatto un brutto sogno. Ho sognato che avremmo avuto un governo formato da ottime persone, molto competenti e affidabili ma senza potere perché il potere sarebbe rimasto nelle mani dei partiti e poi sarebbe arrivato un governo formato da uomini di partito molto potenti ma senza alcuna competenza. Spero non diventi realtà. Iorio,ilgiorno.it

salva e condividi

Ma siamo ricchi o poveri?

TROVO deprimente questo modo grossolano di misurare la gravità della crisi sostenendo da una parte che la gente è alla fame e dall’altra che è ricca perché i ristoranti sono pieni oppure perché è difficile trovare un albergo a Natale. Sono argomentazioni approssimative e mi dispiace vengano sostenute da persone che pure stimo. Ghino, ilgiorno.it

salva e condividi

Ripartire da Einaudi

MI RIGIRO tra le mani un paio di libriccini, che contengono citazioni risalenti a qualche decennio fa ma che sono di un’attualità stupefacente. Uno è di Piero Calamandrei che nel dopoguerra scriveva che «chiamare i deputati e i senatori rappresentanti del popolo non vuol più dire oggi quello che voleva dire in altri tempi. Si dovrebbero chiamare impiegati del loro partito», e volendo aggiornare la definizione direi che si dovrebbero chiamare impiegati del segretario del loro partito.

salva e condividi

Quel medico di Bellano fedele al più bel giornale del mondo

IN «ZIA ANTONIA sapeva di menta», ultimo romanzo di Andrea Vitali, l’autore racconta che «il dottore abitava nel centro del paese e aveva l’ambulatorio a un centinaio di metri dal suo appartamento. Orario di ricevimento dalle dieci alle dodici e dalle sedici alle diciotto, tutti i giorni, sabato escluso. Scapolo, con una chiacchierata passione per le donne d’altri e due ben note fedeltà: il tifo per il Toro, ereditato dal padre di origine piemontese, e quella al «Giorno», a detta sua il miglior quotidiano del mondo.

salva e condividi

Finalmente c'è qualcuno che non perdona

Faccio notare la differenza tra la nostra giustizia e quella in Gran Bretagna, dove in poco tempo Danilo Restivo è stato condannato per il delitto di Elisa Claps. Da noi è passato un ventennio per poter avere una sentenza. Noto anche la risolutezza della madre della ragazzina che si è giustamente opposta al perdono. tino,ilgiorno.it

salva e condividi

Una donna noiosa e petulante

Non è edificante lo spettacolo sui tempi per approvare la legge di stabilità, ognuno dice la sua e le previsioni sembrano un elastico che va da un minimo di pochi giorni (Scajola) ad un massimo di diverse settimane. Se abbiamo preso degli impegni con l’Europa dobbiamo mantenerli e realizzarli nel più breve tempo possibile. Ric, ilgiorno.it

salva e condividi
Syndicate content