• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Il Cavaliere è meglio senza cenere

Almeno in questo dovremmo imparare dai francesi. Mi riferisco all’intervista televisiva di Strauss-Kahn, dove civilmente il peccatore ha ammesso le sue colpe morali e ha chiesto scusa a chi l’avrebbe votato e prima ancora alla moglie e ai figli. Che cosa aspetta il premier Berlusconi, ben più colpevole, di fare altrettanto? eco, ilgiorno.it

salva e condividi

Il pupo nel partito di papà

Un segno di degrado che sta acquisendo una diffusione senza precedenti è il nepotismo nella politica, ovvero la trasmissione dal padre al figlio del potere, o per meglio dire la presunta trasmissione perché in molti casi i figli non sono all’altezza dei loro padri e ben presto dissipano le opportunità che vengono loro concesse. Mauro Artioli,Cremona

salva e condividi

Cattiva reputazione

LA PRIMA distinzione da fare è quella tra migranti e criminali. I migranti sono persone che chiedono un’accoglienza, che sperano in una nuova vita e che cercano un futuro migliore di quello che il loro paese può riservare. Criminali possono essere tutti, dunque anche i migranti, e sono coloro che commettono crimini, come saccheggi, devastazioni, minacce, violenze. I criminali devono essere trattati da criminali e lo status di migranti non può consentire loro di godere di attenuanti.

salva e condividi

Benvenute al Nord

 

CERCASI professore di lettere resistente ad uno stipendio modesto e al gelo. È una storia che si ripete ogni anno e anche quest’anno a Livigno, il paese più freddo d’Italia, dove è normale trascorrere l’inverno (che è già cominciato) con temperature da 35 gradi sotto zero, non si trovano insegnanti disposti a coprire i posti vacanti nell’anno scolastico in corso.

salva e condividi

Un grazie per aver ricordato la grande Biki

Voglio ringraziare Luisa Ciuni che ha ricordato sul Giorno Elvira Leonardi Bouyeure (Biki), che è stata una donna coraggiosa e di grande talento creativo nella moda ma anche nella vita. Vi ringrazio perché avete ricordato un nome e una vita che è giusto che Milano tenga a mente. In un certo senso è stata la nostra Coco Chanel. Fiore, ilgiorno.it

salva e condividi

Quando Roma fu invasa dai piemontesi

Penso che dovrebbe essere celebrato con più solennità il 20 settembre, anniversario della presa di Roma, perché è la data che sancisce la fine del potere temporale del Papa e il compimento dell’unità nazionale con Roma capitale. Invece è considerata una data come un’altra, anzi quasi imbarazzante. Orient, ilgiorno.it

salva e condividi

Berlusconi nella corte romana

Sono stato un entusiasta elettore di Berlusconi. Nonostante le colpe che gli addebito, continuo a pensare sia un grande uomo, che abbia segnato un’epoca, che sia stata un’occasione per l’Italia e che lui stesso abbia contribuito a sciupare questa occasione. Il suo più grave errore è stato quello di circondarsi di cortigiani romani. Elio, ilgiorno.it

salva e condividi

Il grande vecchio

E' UNA GUERRA dei nervi. Con gran finale. Di certo non è il panorama di un paese normale. Basta sfogliare i giornali pieni di donnine. E se accendi la televisione ti sembra di essere in un film, senti i nastri registrati, con la voce del presidente del consiglio, ovvero del capo del governo, che sfoga la sua rabbia con parole libere come quelle che si usano quando si ha la certezza di non essere ascoltati se non dalla persona cui ci si sta rivolgendo. Invece c’erano gli spioni che registravano e che poi hanno messo tutto in piazza.

salva e condividi

La merce più venduta è la fiducia

La merce più svenduta in un periodo come questo, in cui manca la fiducia in tutto, in noi stessi, nei politici, nel governo e nel futuro, è per paradosso proprio la fiducia. Il governo incassa la fiducia, la Camera vota la fiducia, la Manovra ha avuto la fiducia. Ma che sarà mai questa fiducia? Gianluca Grechi, Milano

salva e condividi

Sceneggiata a Monza

NON È UN CASO da sonno della ragione che genera eccetera eccetera ma uno decisamente più modesto di una cosa poco seria che ne genera un’altra dello stesso rango. Così Monza diventata capitale dei ministeri di Bossi è tornata agli onori delle cronache perché quei ministeri finti non sono utilizzati come veri. Chi lo dice? Anzi, chi lo sospetta? La magistratura locale, che tra tante cose che ha da fare ha pensato bene di aggiungerne un’altra. Tutto è nato con la riunione della Lega che si è svolta lunedi scorso nei cosiddetti ministeri lumbard.

salva e condividi
Syndicate content