• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Sì, è una Juve da scudetto. Ma questo Napoli merita solo applausi

Pubblicato da Mister X Mer, 30/11/2011 - 00:56

di Xavier Jacobelli

La Juve supera l'esame di maturità napoletano, soffre, va sotto di due gol e riagguanta sul 3-3 un grande Napoli che merita solo applausi, anche se ha vinto soltanto una delle ultime sette gare di campionato. Ma, nel frattempo, ha sconfitto il City capolista della Premier League e, se passa a Villarreal, entra negli ottavi di finale di Champions League.

Marcello Lippi è stato un buon profeta. Nei giorni scorsi, ha confidato di rivedere nella squadra di Conte la sua prima, grande Juve. E' così, diventa sempre più così, partita dopo partita.

Assente Marchisio per squalifica, l'allenatore punta su Estegarribia, ridisegna l'assetto tattico della squadra e, per lunghi tratti dell'incontro, presenta anche un'inedita difesa a tre che corre qualche rischio di troppo, ma alla fine non soccombe. Sette vittorie, 5 pareggi, 22 gol segnati, 10 subiti sono il biglietto da visita della capolista, unica squadra imbattuta del torneo, camaleontica eppure, per sei undicesimi stasera uguale a quella di Delneri (sabato scorso, all'Olimpico dove aveva sconfitto la Lazio, erano addirittura sette i sopravvissuti alla cocente delusione 2010-2011).

Anche Mazzarri lamentava un'assenza eccellente: Edinson Cavani, 2 gol al City e uno all'Atalanta, fermato in mattinata dal dolore alla tibia. Alla buon'ora, si è riaccesa la stella di Pandev. Il macedone non poteva essersi imbrocchito di colpo: evidentemente, pagava l'imperfetta condizione fisica. Ora che s'è sbloccato, può essere l'arma in più di una squadra che, se passa a Villarreal, può tornare in lizza per il titolo. Sì perchè, nonostante i 9 punti di distacco dalla Juve, il Napoli non è assolutamente fuori dal giro.

Nella serata che ha certificato le ambizioni tricolori di Conte, l'unica nota di rammarico è legata a quel pugno di minuti concesso a Del Piero. Il totem bianconero, il recordman di presenze e gol nella storia del club torinese, ha accettato il ruolo di tappabuchi con una dignità e una serietà esemplari. Gioca poco, il Capitano. Ma in questa Juve capolista c'è anche molto di suo. 

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.