• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

La manovra, i suoi stipendi azzerati: Monti ha messo la Casta spalle al muro

Pubblicato da Mister X Lun, 05/12/2011 - 00:54

di Xavier Jacobelli

Il Primo Ministro alle otto della domenica sera si affaccia in diretta tv e, per prima cosa, dice agli italiani: sto per propinarvi questa medicina amarissima perchè, se non lo facessi, l'Italia crollerebbe e crollerebbe l'Europa. Per questo, chiamate il mio decreto, il Decreto Salva Italia.

Il Primo Ministro è in carica soltanto da diciotto giorni, ma ha preso provvedimenti che altri esecutivi non hanno preso in diciotto anni, cioè in cinquant'anni scanditi da clientele, spartizioni partitiche, lottizzazioni, ipocrisia, quantità industriali di bugie, parassiti e cialtroni.  

Gli ultimi che l'hanno preceduto hanno governato per tre anni e mezzo e gli hanno lasciato una situazione catastrofica. Avevano detto che la crisi non riguardava l'Italia e che non avrebbero mai messo le mani in tasca agli italiani. Avevano raccontato balle spaziali: giova ricordarlo sempre, adesso che sembra non sia successo mai.  

Il Primo Ministro rinuncia allo stipendio di Primo Ministro e di Ministro dell'economia, evento senza precedenti in sessantasei anni di storia repubblicana. Adesso aspettiamo pronte imitazioni, a cominciare da quelli che se la sono sempre presa con Roma ladrona, ma a Roma e non solo a Roma hanno arraffato poltrone, stipendi, prebende di Stato. 

Il Primo Ministro ha accanto a sè il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale che scoppia a piangere in diretta quando parla dei pensionati che non percepiranno l'indicizzazione Istat.

Il Primo Ministro  in due ore e mezzo spiega, precisa, puntualizza, illustra, racconta agli italiani le cose come sono e come stanno. Senza battute, che non siano di squisito humour anglosassone, senza barzellette, senza ciance, senza un Tiepolo di cartapesta appeso dietro le spalle. Andando dritto al sodo. 

Il Primo Ministro aspetta di conoscere come reagiranno gli italiani, i partiti che hanno garantito al suo governo la più ampia maggioranza della storia, i sindacati, la Confindustria, i mercati.

Il Primo Ministro sa di avere già vinto la sua sfida di credibilità. Contro la Casta che ha messo spalle al muro e non soltanto perchè ha annunciato che taglierà le Province. Sino a tre settimane fa eravamo alle prese con il Bunga Bunga, un premier snobbato ed evitato nei consessi internazionali, un ministro della repubblica che si esprimeva in un linguaggio difficilmente comprensibile e accompagnato da gesti volgari. Ieri, lo stesso ex ministro ha detto che l'Italia è stata sconfitta dalla storia e che la Padania ha vinto. 

Il Primo Ministro l'ha spedito su Marte, ma quello non se n'è ancora accorto. Il Pirmo Ministro si chiama Mario Monti. Il suo anagramma fa Rimontiamo. Sono i politici che affogano.    

     

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.