• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

Caso Stasi: Sconfitta della Medicina.

Pubblicato da Sergio Stagnaro Mer, 23/11/2011 - 13:00

Dal sito de Il Giornale LINK

Ecco il commento  in cui spiego brevemente perché il caso Stasi rappresenta la sconfitta della Medicina Occidentale, un Gigante dai piedi di argilla LINK Sergio Stagnaro (363) - lettore il 23.11.11 alle ore 10:08 scrive: Riflettiamo: il caso Stasi è l'immagine semantica della SCONFITTA della Medicina in generale e, in particolare, delle Scienze Neurologiche. Nonostante le conquiste "meravigliose e progressive" della Neurologia nei suoi vari aspetti, pur avendo a disposizione Dipartimenti delle Immagini "fanta-scientifici", la Medicina non è ancora in grado di dirci se nel cervello di un SOSPETTATO criminale, accusato di omicidio, ad uno "specifico" segnale, accade qualcosa che non accade in un INNOCENTE, e viceversa, tale da far porre la corretta diagnosi! A modo di esempio, l'atto sessuale, o semplicemente il pensare all'atto sessuale, ed altre emozioni piacevoli, stimolano la secrezione di oppioidi endogeni, i quali attivano la microcircolazione nelle aree cerebrali dell'umore (corteccia pre-frontale e limbica, amigdale, ipotalamo, ecc.): sono conoscenze vecchie. Mi domando: la Medicina del terzo millennio non è in grado di valutare simili fatti durante queste "emozioni"?  

 


Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.