• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Quale futuro per Bologna

Pubblicato da Giancarlo Mazzuca Lun, 15/02/2010 - 19:04

Ho partecipato stamani all'incontro organizzato dal presidente della Camera di Commercio di Bologna, Bruno Filetti,  sul futuro della città dopo le dimissioni del sindaco Delbono. Alla riunione erano presenti quasi tutti i parlamentari bolognesi e i rappresentanti delle categorie produttive. Il quadro che è emerso è abbastanza proccupante: al di là del "forfait" di Delbono, la città sta attraversando una gravissima crisi economica e appare senza idee, senza un futuro. Il dibattito si è incanalato sul leit-motive di questi giorni: quanto deve durare il periodo di commissariamento? Al di là delle varie posizioni emerse, credo però che sia altrettanto importante cercare di cogliere gli aspetti positivi di questa gravissima emergenza.

Mi spiego meglio: anche per colpa deella nuova legge elettorale, i parlamentari italiani rappresentano sempre meno il territorio in cui vengono eletti. Mi chiedo, quindi, se, approfittando di questo vuoto di potere,  i senatori e i deputati di Bologna possano svolgere un lavoro più efficace a favore della propria città. Perché non coinvolgerli di più in questa fase di transizione? Perché non organizzare una serie di incontri con le categorie economiche e sociali per conoscere in modo approfondito quali siano i reali problemi cittadini e per cercare di trovare soluzioni anche a livello parlamentare? Perchè non predisporre una riunione con il rettore dell'università e con tutto il corpo accademico per cercare di abbattere, una buona volta per tutte, il muro di Berlino che ha sempre diviso i cittadini bolognesi e gli studenti universitari fuori sede? Certe volte, dall'emergenza possono davvero nascere idee nuove...

|
salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.