• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Le lusinghe e i rischi della politica che cerca i giovani

Se persino gli eterni duellanti questa volta hanno rinunciato alla consueta, reciproca, punzecchiatura, vuol dire che il dato non si presta al chewing-gum delle interpretazioni di convenienza. Il governatore della Banca d’Italia, Draghi, ha lanciato l’allarme sui livelli record raggiunti dalla disoccupazione giovanile in Italia e Tremonti, sorprendendo un po’ tutti, non l’ha smentito. Anzi ha condiviso l’analisi.

salva e condividi

La sanità abusata tra vecchi vizi e nuovi sospetti

Un governatore — quello della Toscana, Enrico Rossi — che commissaria l’azienda sanitaria locale di Massa dopo la scoperta di un «buco» di bilancio da 60 milioni di euro. E, come se ciò non bastasse, fa anche una spontanea puntatina in Procura. Tanto perchè sia chiara a tutti la rabbia e l’orgoglio — ma soprattutto l’obiettivo di chiamarsi fuori — dell’ex assessore che deve il suo successo politico, guarda caso, alla sanità-modello che più modello non si può. 

salva e condividi

Il giallo di Daniele e i pudori alterni di Sarkozy

IL PRESIDENTE francese Nicolas Sarkozy, secondo le rivelazioni della stampa internazionale, nei giorni scorsi si è presentato da solo in visita di Stato al cospetto di Papa Benedetto XVI, perchè le autorità vaticane gli avrebbero garbatamente chiesto in via preventiva di evitare al pontefice imbarazzanti immagini pubbliche con Carla Bruni, la premiere dame tanto cara al gossip.

 

salva e condividi

I caduti di Farah, la straordinarietà di giovani normali

  CON LE QUATTRO vittime di ieri sono trentaquattro gli italiani morti in Afghanistan dall’inizio (2004) della missione internazionale di pace. O di guerra. Quando muore un figlio, un marito, un fratello, un amico, sai quanto possono contare davvero le acrobazie semantiche del linguaggio diplomatico. O le trite polemiche che trascinano la tragedia nell’irrispettoso teatrino quotidiano della politica. Sempre uguale, ripetitivo, vecchio. Soprattutto vecchio.

salva e condividi

Sviluppo e lavoro, l'ora delle scelte contro le ideologie

TANTI osservatori si sono già esercitati nelle ultime ore in accurate analisi sul ritorno nel Paese di una brutta aria, carica di tensione. E in altrettanti accorati appelli affinchè si stoppino sul nascere pericolose derive violente di uno scontro sociale che la crisi economica sta inevitabilmente inasprendo.

salva e condividi

La Toscana e il modello giunto al capolinea

Da qui alla fine dell’anno saranno oltre 3.600 i toscani che, perso il lavoro, non avranno più alcun sostegno economico dai cosiddetti ammortizzatori sociali (indennità di disoccupazione ordinaria, cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga, mobilità).

 

salva e condividi

Per favore non chiamatela antipolitica

 A VOLTE SONO piccoli segnali, combinazioni casuali, fortuite coincidenze che semplificano e spiegano meglio le cose della vita. Nelle redazioni dei giornali l’immagine fissa sullo schermo tv della prima pagina del Televideo è una sorta di totem itinerante della notizia. Dal ritmo più lento rispetto alla frenesia del costante aggiornamento online e delle agenzie di stampa, ma ancora rispettato nella sua liturgica gerarchia di giornata.

salva e condividi

La mamma di Trento e il barbaro senso dei diritti smarriti

NELL’INTERVISTA al nostro giornale Anna Maria Bernardini De Pace, una delle signore grandi firme del diritto di famiglia, l’ha definita una violenza «alla quale opporsi con lo stesso impegno che il mondo sta mettendo in campo contro la lapidazione dell’iraniana Sakineh».

 

salva e condividi

Da Roma a Firenze il grano e il loglio di una sfida politica

Mario Monti, economista di prima fila sulla scena internazionale ieri lamentava, con evidente inquietudine, il silenzio della politica sulla strategia di crescita del Paese. Nodo cruciale per dare un senso alla parola futuro, attraverso l’attuazione di riforme strutturali in grado di rilanciare la competitività nazionale e, con essa, l’occupazione.

salva e condividi

La nuova Università e la coincidenza col caso Macchiarini

LA VITA, a volte, è fatta di sorprendenti coincidenze che non si sa mai quanto siano del tutto dettate dal caso. Ma supponendo pure, in nome di un generoso fatalismo, che il destino — non necessariamente baro, di sicuro un filino cinico — abbia deciso di testa sua, suscita impressione la simultaneità di due eventi che investono la vita delle nostre università. Nelle stesse ore in cui il Senato approvava la nuova, incisiva, tappa di riforma degli atenei a firma del ministro Gelmini, a Firenze esplodeva il caso-Macchiarini.

salva e condividi
Syndicate content