• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

La dignità svenduta

CHE EFFETTO fa leggere di un padre che, richiesto di un parere sull’ipotesi che la figlia 25enne possa essere, lei e solo lei, la fidanzata dell’ultrasettantenne Berlusconi, la «compagna stabile», una cosa seria insomma, frutto generoso dell’amor che tutto vince nella pur feroce competizione e distrazione estetica del femmineo gruppo, risponde sereno sereno al cronista: «Magari»?

salva e condividi

Strade e pedaggi, ribelliamoci a una vergogna

A volte la ripetitività maldestra di certe odiose idee e proposte è così insistente, palesemente provocatoria che non può trovare altra giustificazione se non nella convinzione, cara all’arroganza della politica, che gli italiani siano ormai ridotti a un popolo rimbambito, semisedato a cui si può dire e fare di tutto. Basta avere un po’ di pazienza, far loro sbollire la rabbia della prima reazione, e poi tornare alla carica quando meno se lo aspettano. Vedrai che, alla fine, si piegano.

salva e condividi

I provocatori della pubblicità seppelliti da uno sbadiglio

Caro direttore,

navigando su internet ho incrociato le polemiche esplose intorno alla provocazione di un’azienda di abbigliamento che ha scelto per farsi pubblicità un’immagine irriverente, se non blasfema, del Cristo. Poi c’è il calendario del consorzio pelle che propone immagini di organi sessuali femminili. Ma dicono che si tratta di arte. Lei che ne pensa?Francesca S., Pisa (via mail)

Risponde il direttore de La Nazione Giuseppe Mascambruno

 

salva e condividi

Risparmiateci gli ultimi carrozzoni

"La crisi è tutt’altro che finita e la speculazione è più viva che mai", ha tuonato da Parigi il superministro dell’economia Tremonti.

 

salva e condividi

Buon anno a tutti per un ottimismo senza alternative

NON ABBIAMO alcuna voglia, non foss’altro per la più banale delle scaramanzie, di cominciare l’anno con il primo passo già appesantito dal pessimismo. Anche se non è certo di entusiasmante incoraggiamento registrare che il Presidente della Repubblica ha dovuto fare gli straordinari di fine 2010 consegnando alla storia ben quattro messaggi in poche ore.

salva e condividi

Dai rottamatori a Confalonieri, è Firenze capitale

FEDELE Confalonieri non è un parvenu della politica. Il più intimo amico e fidato consigliere di Berlusconi, pur standosene all’apparenza debitamente a distanza, è un signore che trascorre due giorni la settimana a Roma, a diretto contatto con i luoghi e i personaggi chiave del potere.

 

salva e condividi

Se Silvia di Arezzo ci aiuta a capire la malauniversità

IL 44° RAPPORTO del Censis, il centro studi presieduto da Giuseppe De Rita, uscito in questi giorni, offre l’amara fotografia di un Paese bloccato, stanco, svogliato. Non solo nelle sue articolazioni pubbliche che alimentano sfiducia, a cominciare dalla politica, ma anche nello spirito privato di una popolazione che stenta a ritrovare l’energia del desiderio, la forza e la voglia di coltivare nuove ambizioni.E non a caso un capitolo particolarmente ricco e significativo del rapporto è dedicato ai giovani.

salva e condividi

I nostri giovani tra buoni propositi e vecchia politica

 IERI A LUCCA ho partecipato alla premiazione di undici giovani che hanno aderito, insieme a tantissimi altri, a un’iniziativa, proposta e realizzata dalla redazione locale de «La Nazione».

 

salva e condividi

I rifiuti di Napoli e un paio di quesiti tra spot e dispetti

Il governo ha convocato per mercoledì prossimo le Regioni: si discuterà di tagli, ma anche e soprattutto dell’emergenza rifiuti in Campania. Il governatore della Toscana, Enrico Rossi, ieri ha colto tutti di sorpresa, a cominciare dai suoi del Pd, annunciando in un’intervista al Corsera che «la Toscana è pronta ad accogliere i rifiuti della Campania, perchè la monnezza di Napoli è un problema nazionale e mi auguro che le altre regioni ci seguano».

salva e condividi

Oggi, tra futuristi e giovanilisti, parliamo di vecchi

L’emergenza è reale. E, oltretutto, suscita un sottile piacere provocatorio sottrarsi oggi, proprio oggi, culmine della convention fiorentina dei rottamatori di Renzi e di quella perugina dei traccheggiatori di Fini, all’irretimento della politica. Oggi, tra rinnovamento molto enunciato e scarsamente praticato, lusinghe giovanili e consumati compromessi, preferiamo soffermarci su un tema che riguarda i vecchi.

salva e condividi
Syndicate content