• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Carrara / Con-Vivere dedicato agli italiani: sono più le ragione per stare insieme o quelle che ci dividono?

Sono più le cose che uniscono, che legano gli italiani e ne fanno un sol popolo, o quelle che dividono, disconnettono, ci rendono separati in casa? Al di là della doverosa risposta improntata all’ottimismo istituzionale e agli ideali del Risorgimento, la questione della convivenza tra italiani è cosa degna di studio. E non soltanto dal punto di vista statico della Lega. C’è molto più della Padania in ballo.

salva e condividi

Carrara/ Carlo Verdone a Con-Vivere: "I toscani (come mio padre) sono provinciali e cosmopoliti"

I toscani? Provinciali di serie A. Così li definisce Carlo Verdone, precisando che si tratta di un grosso complimento: <Quello dei toscani – dice il regista e attore – è un sano provincialismo, ossia un fortissimo attaccamento alla propria identità culturale. I toscani sono in questo senso dei conservatori ma all’interno di una mentalità cosmopolita costruita da secoli di arte e da un flusso ininterrotto di viaggiatori e di intellettuali che l’hanno eletta e la eleggono a seconda patria>.

salva e condividi

L&S/ Aria gelida da Norvegia e Svezia: i 'diversi' non sono graditi. E loro si vendicano.

Erik Fosnes Hansen

La donna leone

Tropea, 18.00 euro

salva e condividi

Ferragosto, l'estate sta finendo: c'è chi già si dispera e c'è chi non vede l'ora di tornare alla propria vita

Scriveva ieri sulla Domenica del Sole 24Ore Francesco Piccolo che l’umanità (io specificherei: quella italiana e degli altri paesi con le nostre stesse consuetudini in fatto di ferie) può essere divisa tra chi non vede l’ora che arrivi l’estate e chi non vede l’ora che finisca l’estate. Piccolo ritiene che quest’ultima sia una minoranza ma guardando a tutti quelli che restano a casa invece di schizzare in vacanza, io non ne sarei così sicura.

salva e condividi

Jackie accusò il vice presidente Johnson per la morte del marito: un nuovo capitolo della saga dei Kennedy

Jackie Kennedy era convinta che a far uccidere suo marito, il presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald Kennedy, JFK, fosse stato il vicepresidente Lyndon Johnson con la complicità di una lobby di petrolieri texana. Lo rivela un'intervista rilasciata allo stroico Arthur Schlesinger pochi mesi dopo la morte del presidente e fino ad oggi secretata. Un'intervista della first lady più affascinante di tutti i tempi che la figlia Caroline ha resa nota a diciassette anni dalla morte della madre.

salva e condividi

"Il viaggio dell'orsa": Vincenzo Pardini trascina il lettore dentro una natura grandiosa, tragica, ineluttabile

La grande forza narrativa di Vincenzo Pardini si conferma e si accumula ad ogni nuovo libro. Con “Il viaggio dell’orsa”, pubblicato da Fandango, lo scrittore della notte torna a privilegiare le storie di animali, per quanto in Pardini non via sia una netta distinzione tra uomini e animali in quanto tutti partecipano di quella natura che conosce tanto bene e che è sovrana nei suoi scritti e sul territorio da lui battuto.

salva e condividi

Il Papa esorta a leggere la Bibbia in vacanza: un grande libro qualunque sia, o non sia, il nostro Dio

Da Castelgandolfo, dove si trova in queste settimane estive, papa Benedetto XVI ieri ha dato ai fedeli un ‘consiglio’ che vale per chi professa, per chi crede, ma anche per chi ha dubbi o è di un’altra religione, per gli agnostici e per gli atei. Per chi è in ferie e per chi resta al lavoro. Davvero un consiglio universale.

salva e condividi

L&S/ Intervista a Francesco Recami: la commedia all'italiana torna come anti-giallo nella casa di ringhiera

Commedia degli equivoci, commedia all’italiana, commedia umana. LA CASA DI RINGHIERA, l’ultimo libro di Francesco Recami uscito da Sellerio, è ambientato a Milano appunto in una casa di ringhiera.

salva e condividi

Intervista a Ken Follet autore da cento milioni di copie / L'arte di scrivere best sellers (e di suonare il blues)

E’ decisamente migliore come scrittore che come musicista, non ha dubbi su questo Ken Follett, 62 anni, nato a Cardiff in Galles, produttore da oltre trent’anni di best seller planetari (oltre cento milioni di copie vendute nel mondo), l’ultimo dei quali, “La caduta dei giganti”, è uscito in contemporanea in venti paesi nel settembre scorso. Pubblicato in Italia dalla Mondadori, Follett  è stato il protagonista dell’evento conclusivo della bella rassegna “Anteprime” a Pietrasanta, in Versilia.

salva e condividi

Riscoprire Montaigne: una biografia superba e avvincente. I giallisti italiani spacciano "Drugs". La bellezza di Lola Montez

Sarah Bakewell

Montaigne L’arte di vivere

Campo dei Fiori, 19.00 euro

salva e condividi
Syndicate content