• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Fiction a immagine e somiglianza di chi?

"Ritorno alla tv generalista per Ascanio Pacelli, ex gieffino e bel maritino della bionda Katia Pedrotti. Che insieme a Simon Grechi (ex del reality di Canale5 anche lui) è nel cast di "Dov'è mia figlia?", fiction in quattro puntate con protagonisti Serena Autieri e Claudio Amendola (in onda da giovedì 8 settembre)" ci annuncia il sito internet www.gossip.it.

salva e condividi

Se la paura inizia dalle parole...

"A Milano e nel Milanese le associazioni mafiose non esistono", parole e musica del Prefetto di Milano Gian Valerio Lombardi. Gli omicidi di Domenico Scafidi, Carmelo Novella e Cataldo Aloisio sono invece almeno tre fatti concreti, molto concreti, che smentiscono quelle dichiarazioni di un paio d'anni fa che sanno di presa in giro. La 'ndrangheta nell'Altomilanese esiste. E questo è un fatto. E prima lo ammetteremo, prima cittadini e istituzioni cominceranno a chiamare le cose con il loro nome, prima riusciremo ad affrontare a viso aperto questa organizzazione.

salva e condividi

Come Don Chisciotte....

Tutti in piazza: sindaci, governatori di regioni e presidenti di province. Tutti in piazza per affermare un secco "no" nei confronti della Finanziaria. Senza entrare nelle complicatissime pieghe di ogni manovra economica del genere, riassumo dicendo che, come al solito, la Finanziaria diminuisce i fondi che lo Stato è tenuto a destinare ai Comuni. In sostanza, ogni anno il Governo vuole sempre più fare le nozze coi fichi secchi tagliando in misura considerevole le risorse economiche a disposizione delle Amministrazioni comunali e chiedendo loro servizi di alta qualità.

salva e condividi

I conti del pallone

Calciatori che pensano di scioperare perché non vogliono versare il contributo di solidarietà (ovvero un aumento dell'Irpef per "aiutare" i bilanci statali), società sportive che si autoesentano dal presunto obbligo di pagare il suddetto contributo al posto dei propri tesserati. Insomma, come spesso accade, quando il calcio giocato latita ci pensano le vicende finanziarie a farci ricordare che il mondo del pallone non va in vacanza. I calciatori sono lavoratori come gli altri, pagati in maniera stratosferica, ma sono come gli altri.

salva e condividi

Riflessioni a schema libero

Premessa doverosa: questo non è un diario privato. Promessa altrettanto doverosa: a volte le esperienze personali possono essere d'aiuto per creare un dibattito. Detto questo, posso cominciare dicendo che sono stata in vacanza in Salento, terra di cui tutta l'Italia dovrebbe essere orgogliosa tanto per i paesaggi mozzafiato che offre quanto per l'accoglienza che la gente che vi abita offre a tutti gli avventori. Ho diversi amici lì, alcuni dei quali sono omosessuali.

salva e condividi

Che poi un motivo per cui c'era di mezzo la polis ci sarà pure stato...

Eccolo lì, ci è cascato anche lui. Non me l'aspettavo, lo ammetto. Da Andrew Howe, la stella dell'atletica italiana mai sbocciata fino in fondo in campo internazionale, proprio non mi aspettavo una dichiarazione sulle pagine di Max come questa "Mi piacerebbe un giorno anche provarci con la politica". In fondo è come se Fassino dicesse "Mi piacerebbe un giorno provarci col sollevamento pesi" oppure se Paolo Bonolis affermasse "Mi piacerebbe un giorno provarci con il balletto classico": farebbero ridere.

salva e condividi

Si stava meglio quando si stava peggio...bah!

Un condensato di ironia, ma anche un inequivocabile specchio dei tempi. Si chiama "L'amore ai tempi della crisi" ed è un brano dei Toromeccanica, band salentina che si sta facendo largo fra i tanti gruppi musicali italiani. Il Salento si è rivelato negli ultimi anni terra molto fertile dal punto di vista creativo, basti pensare a uno dei suoi prodotti musicali più noti: i Negramaro. I Toromeccanica sono completamente diversi e anche la loro "L'amore ai tempi della crisi" lo è. Soprattutto per il contenuto del brano.

salva e condividi

La sindrome del ballo di gruppo

Ogni anno, puntuale come le tasse, il Festival di Sanremo e la vicina di casa molesta che suona alla porta di Andrew Howe nell'ormai noto spot televisivo, arriva il tormentone estivo. Quella canzone che ti si piazza in testa e che non ti lascia se non soltanto a sprazzi, che ti tormenta appunto. Asereje, Non ti scordar mai di me, Alejandro, Waka Waka sono solo alcuni che posso citare a memoria. Quest'anno nessuno di noi potrà lottare e avere la meglio contro la Danza Kuduro. E secondo me nessuno vorrà neanche farlo.

salva e condividi

Chi dice che non si comunica più?

C'erano una volta gli apocalittici e gli integrati. I primi erano convinti che con l'avvento delle nuove tecnologie i rapporti umani sarebbero finiti e gli altri che invece sarebbero continuati nello stesso modo. Entrambi avevano torto. Paradossalmente, sms (sistema di "short messages" che sono sempre meno short), mms, social network, blog ed e-mail hanno aumentato i modi e le possibilità della comunicazione. Questo non significa che si comunichi meglio o peggio, ma semplicemente che si ha ancora voglia di farlo. In molti casi si ha più voglia rispetto al passato.

salva e condividi
Syndicate content