• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Il Tango di Zara

Era il titolo di una fotonotizia su un settimanale di tanto tempo fa, probabilmente il 1985 o giù di lì. La foto ritraeva il capitano Mark Phillips e la moglie Anna (incidentalmente figlia di Sua Maestà britannica, Elisabetta II), entrambi a cavallo in compagnia della figlioletta Zara che avrà avuto tre o quattro anni, non di più. Anche lei in sella ad un pony di nome Tango assolutamente delizioso, perfettamente proporzionato alla sua piccola amazzone e portato sottomano da Anna.

salva e condividi

Lontano dagli occhi, lontano dal cuore.

Sono rimasta sbalordita: qualcuno ha pensato fosse giusto  attaccare personalmente Federica Pellegrini per essere stata ad assistere all'ultimo Palio dell'Assunta, a Siena.

salva e condividi

Nuovo giornale, vecchi ricordi.

Da ragazza sfogavo parte della mia "fame" di cavalli leggendo tutto quello che potevo sull'argomento, quindi l'edicola era una tappa obbligata non appena usciva il nuovo numero di Cavallo Magazine. Mi piacevano specialmente gli articoli di Giorgio Martinelli: era una specie di enciclopedia equestre con la penna in mano ma dava l'impressione di guardare i cavalli esattamente come me, come tutti noi lettori - con la stessa passione di un ragazzino per il suo primo cavallo.

salva e condividi

Turismo (d'arte) equestre.

La battaglia di Ponte Milvio

salva e condividi

Tutta colpa del bancomat.

Ho perso il bancomat dopo una corsa in pausa pranzo allo sportello bancario sotto l'ufficio per ricaricare il cellulare (disperato) del figliolo (senza credito residuo). Terminata l'operazione mi distraggo a sistemare gli scontrini nel portafogli e intanto il baraccone si rimangia la mia tesserina magica abbandonata lì, mezza dentro e mezza fuori.

salva e condividi

Amur

Era un grigio trotinato. Secco come una frustata e piccolino di statura sembrava sempre occupare molto più spazio di quello che realmente era necessario al suo corpo sottile. Mai del tutto immobile, nemmeno quando era fermo sugli appiombi e i suoi piccoli zoccoli rotondi, appena un po' incastellati sembravano inchiodati a terra con la decisione di un sultano. Veniva dalla Polonia ed era uno stallone, ma quando l'ho conosciuto era semplicemente il cavallo da campagna di Anna, un'amica.

salva e condividi
Syndicate content