• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Poveri bimbi

Pubblicato da Lorenzo Moroni Gio, 03/11/2011 - 16:43

E' impietoso l'esito del sondaggio condotto dall'associazione 'Donne e qualità della vita' su un campione di 500 albergatori europei: per il 66% degli intervistati i bambini italiani in vacanza sono giudicati i più maleducati, incivili e irrispettosi al confronto dei marmocchi degli altri Paesi. Ai nostri piccoli gli albergatori europei - pur restando ben felici di strisciare le carte di credito dei genitori al seguito - rimproverano di essere addirittura irrispettosi e incivili, spesso molesti nei confronti degli altri ospiti. A questo punto una premessa va fatta: l'educazione viene prima di tutto e su questo non si discute. Sia dentro i nostri confini - anche se il panorama è sempre più desolante - sia all'estero.

 Ora, però, sarebbe interessante conoscere le varie esperienze vissute dagli intervistati. Se un bambino urla attraversando un corridoio, se tiene il volume della Tv in camera al massimo, se usa tende come liane di tarzan, salta sui tavolini e sui divani come se fosse sui tappeti elastici, se devasta una sala da pranzo e dipinge sulle pareti dell'albergo come fossero lavagne, non c'è dubbio che ci troviamo di fronte a una chiara e manifesta maleducazione.  Ma va anche detto che i bambini non sono robot. I bambini sono animati dall'entusiasmo, dalla gioia di vivere, dal piacere di divertirsi, dalla fantasia e dalla simpatia. Vogliono giocare, sempre giocare. Ed è giusto che sia così. Non sono robot da comandare, da rendere lobotomizzati. Sono i grandi del futuro da educare sì, ma anche i piccoli di oggi che vanno lasciati liberi di esprimersi e di colorare anche le nostre giornate. Non vorrei che si confondesse l'esuberanza e l'allegria di un bambino con la maleducazione. Forse servirebbe un po' di tolleranza: se a tavola un bambino ride e magari alza un po' la voce, se lungo un corridoio corre un po' perché è felice di essere in vacanza, se davanti al buffet sgrana gli occhi e si 'tuffa' su una torta perché ha gli occhi più grandi della bocca (lo dicevano sempre anche a me) non vedo cosa ci sia poi di male. La maleducazione no, non deve essere né permessa né tollerata. E caso mai, comunque, la reprimenda ancora prima che ai piccoli andrebbe fatta ai genitori. Ma l'entusiasmo non può essere spento.

 Mi viene da pensare ai commenti che spesso rivolgono al nostro Paese i turisti stranieri: voi italiani siete solari, sapete sorridere, divertirvi. Ecco, forse perché a volte - sin da piccoli - siamo più sciolti e ci lasciamo un po' più andare. La conferma che questo sondaggio confonda un po' entusiasmo con maleducazione, me la dà un po' il risultato finale. I bambini  considerati più educati sono i figli degli svedesi, seguiti da danesi e svizzeri. Insomma, i gelidi nordici e gli elvetici precisini. Sinceramente preferisco guardare e sorridere per un bambino che saltella come un canguro o che divora una torta piuttosto che osservare un piccolo seduto, immobile, muto e con gli occhi tristi.

Strano Paese, ma a volte divertente.

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.