• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Mother and stalker

Pubblicato da Lorenzo Moroni Lun, 17/10/2011 - 16:54

MOTHER dei Pink Floyd... Hush now baby, baby, dont you cry. Mother's gonna make all your nightmares come true. Mother's gonna put all her fears into you. Mother's gonna keep you right here under her wing. She wont let you fly, but she might let you sing. Mama will keep baby cozy and warm...

CHE TRADOTTO...  Silenzio, ora piccolino, non piangere. Mamma farà avverare ogni tuo incubo. Mamma ti inculcherà ogni suo timore. Mamma ti terrà al sicuro sotto la sua ala. Certo non ti farà volare, ma forse ti farà cantare, Mamma terrà il suo bambino al caldo e coccolato...

Chissà se quel 'povero' studente di Pavia trascorra le sue giorante ascoltando Roger Waters and company. Magari alzando il volume a palla quando il cellullare squilla e a chiamare è mammà. Premesso che di fronte a certe situazioni bisogna andarci cauti cercando di capire fino in fondo come stanno le cose, non può non colpire la notizia rimbalzata ieri dalla Lombardia. C'è una mamma, forse apprensiva, magari troppo, o forse semplicemente amorevole e premurosa, ma non per il proprio figlio, denunciata per stalking dal medesimo. Un figlio ormai adulto, studente all'università. Il quale, stanco di sentirsi addosso il calore di mammà, ha pensato bene di andare alla polizia e denunciarla per stalking. Nella denuncia, il ragazzo ha messo nero su bianco che la mamma si appostava fuori dall'università da lui frequentata per controllarlo, che gli inviava corrispondenza indesiderata, che lo chiamava in continuazione al telefono perché preoccupata per la situazione economico.

UNA SORTA di stalking per il ragazzo, al punto da indurlo a cambiare domicilio e anche numero di telefono. E soprattutto a spingerlo a denunciare la donna. Evidentemente deve essere stato convincente dato che il questore ha firmato un provvedimento di ammonimento per stalking nei confronti della donna. Il giovane deve aver tirato un sospiro di sollievo di fronte a una sorta di libertà ritrovata. Ma l'ordine del questore ha tutt'altro che scoraggiato mammà. La signora, infatti, si è rivolta al Tar della Lombardia che hanno dato ragione a lei. Secondo i giudici del Tribunale amministrativo regionale <non c'è persecuzione nel comportamento della madre, perché per configurare lo stalking è necessario un comportamento oggettivamente molesto o minaccioso, posto in essere con condotte reiterate>. Insomma, l'ammonimento del questore è stato annullato.

ANCHE PERCHE' - sempre a detta del Tar - l'invio di due mail e di due sms <non si vede come possa integrare il presupposto per lo stalking>. E il carattere patrimoniale delle richieste della mamma, per i giudici rientra nel contesto familiare. Chissà se adesso la mamma riprenderà a telefonare al figlio e a cercarlo. Chissà se lui tornerà ad alzare il volume dell'iPod quando il cellulare tornerà a trillare. Chissà se riusciranno a parlarsi... Senza questori, Tar e carte bollate.

Strano Paese

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.