• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Viva la radio, che ci fa ascoltare e sognare

 

Chi viaggia in auto ha almeno la fortuna di potere ascoltare con più attenzione la radio, compagna ideale dei tanti chilometri da percorrere, maqari per lavoro. E quindi ai programmi radiofonici voglio dedicare questa mia riflessione. Ovviamente ai programmi musicali, che., soprattutto su Radiouno, sono particolarmente intriganti.

salva e condividi

Guardarsi indietro e riscoprire gli amici del Tenco

A volte si possono riscoprire gioielli che pensavi perduti e che invece tornano fuori dal vecchio zainetto delle cose amate, ma dimenticate. Ritrovarsi di fronte a un cd del '99 e scoprire che da quel giorno sembra non sia passato neppure un minuto è una cosa particolare. Dieci anni fa, il Club Tenco rendeva omaggio al suo fondatore, Amilcare Rambaldi, deceduto ultraottantenne.

salva e condividi

Mariano Deidda e l'amore per la poesia

Smaltito il panettone sanremese, passiamo a guardarci intorno sulle proposte musicali che ci piacciono e non sempre trovano il giusto spazio, perché considerate di "nicchia" (spiegare cosa sia è difficile, perché se tutto ciò che stimola curiosità e conoscenza è considerato di nicchia, tutti dovremmo riempire quello spazio architettonico lasciato invece a pochi).

salva e condividi

Amici carissimi, possedete l'X Factor

Chissà se il prossimo anno, per "riparare" alla vittoria Mediaset in Rai (Bonolis più De Filippi più Carta) ci si rivolgerà ai reduci di X Factor per pareggiare i conti. C'è chi mi accusa di non avere indovinato neppure un pronostico. Non la prendo come offesa, come offesa si può prendere altro, ma d'altra parte chi non giudica non puùò sbagliare. Anche perché chi giudica non ha poi i mezzi per decidere come deve essere un risultato. Marco Carta ha vinto Sanremo. Amen.

salva e condividi

A caldo vi dico che non ci sto...

Non ho vinto la scommessa, ma lo sapevo... Gioco perché mi piace giocare, perché chi non fa non falla, e a dire che pensavo a Patty e Povia, e poi ad Alexia, è stato giusto anche se non pensavo di avere ragione. Ma la vittoria di Marco Carta non mi piace troppo... Non perché il ragazzo fra qualche anno non possa farsi, ma perché davanti alla regina di "Amici" proprio il ragazzo di "Amici" mi sembra troppo per non pensare a una facile casualità...

salva e condividi

Come mai ha vinto Arisa, in attesa di Alexia...

Bisogna che confessi subito: quando ieri notte è stata proclamata Arisa vincitrice di Sanremo Proposte ho storto un pochino la bocca. La sua "Semplicità" mi sembrava talmente... semplice da non potere ambire a un tale riconoscimento. In più, in discussioni successive internettiane, sono stato colto da un raffronto che non avevo fatto: che nel brano ci fosse  molto, anche se a un ritmo diverso, di una straordinaria e famosa, ma orecchiabilissima, canzone del passato, la "Vincent" di Don McLean, motivetto facile facile che tutti conoscono.

salva e condividi

Perché la Zanicchi è stata esclusa

E così Iva Zanicchi, trecampeon di Sanremo, è uscita dalla contesa e non ha supetao i ripescaggi. Va invece avanti Sal Da Vinci (mah...) , mentre il ripescaggio di Albano era talmente ovvio che non ha sorpreso nessuno. Iva Zanicchi è uscita perché la canzone che ha cantato non era una bella canzone e lei non l'ha cantata benissimo. Non credo alla congiura di Benigni, anzi: meglio parlarne anche male, anzi che non parlarne, diceva Bob Hope.

salva e condividi

Bonolis meglio di Baudo, e si capisce perché

Il Sanremo di Paolino Bonolis tiene gli ascolti, supera ampiamente di media il 40 per cento e batte, nella media "ponderata", di più di dieci punti l'edizione 2008 di Baudo.

salva e condividi

E la prima serata è andata

Scrivo a caldo, dopo poche ore di sonno, le prime valutazioni di questo Festival di Sanremo e aspetto, fra poco, l'Auditel per vedere se sarò smentito o meno. La giuria ha già fatto la sua parte, bocciandomi una delle artiste che ritenevo potesse dire di più sul palco dell'Ariston, ma Iva Zanicchi ha cantato talmente male che non si poteva davvero evitarle l'onta della pre-eliminazione.

salva e condividi

Le scommesse, un male necessario

Siamo alle ore precedenti il via del Festival di Sanremo, giunto alla cinquantanovesima edizione, che il direttore di Raiuno, Fabrizio del Noce, che presto lascerà l'incarico per dedicarsi solo alla fiction, ha ammantato di un significato molto particolare, come fosse l'ultima spiaggia della tv di Stato. Sanremo è Sanremo, e Bonolis abbastanza esperto e tarsversale per assicurare molta curiosità intorno al prodotto e quindi, azzardiamo, buoni ascolti, certo maggiori, in prospettiva, al Baudo molto languido dello scorso anno.

salva e condividi
Syndicate content