• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Il tempo

Pubblicato da Federica Isola Lun, 05/09/2011 - 07:57

Ho terminato le mie vacanze in una Versilia piovosa.Quest’anno, inaspettatamente, sono state vacanze piene di spostamenti e di luoghi nuovi.Ricordo come se fosse passato tantissimo tempo il meraviglioso e ineguagliabile mare di Favignana di soli tre mesi fa e poi il film dei ricordi si riempie di immagini, di luoghi, città e persone incontrate in questi tre mesi.La spiaggia di Marina di Massa è sempre la stessa, torno al mio bagno di quand’ero bambina, i colori degli ombrelloni sono rimasti gli stessi, la differenza è quando guardo i miei piedi che camminano sulla sabbia: molto più grandi e sicuri di quelli che trotterellavano incerti. Le giornate trascorse lì, come la scelta della casa, del resto, è stata influenzata da quelle vacanze estive vissute tanti anni fa e che oggi sanno di nostalgia, lo sguardo verso quei luoghi è quello entusiasta di sempre.Quando si vive velocemente e si riempiono i giorni di cose si passa da un estremo all’altro, la percezione è, a volte quella di un tempo molto lontano in cui si è fatta una determinata cosa e, altre volte quella di un tempo che non si riesce ad afferrare perché ci sembra passato troppo velocemente.

Nei corsi sulla gestione del tempo si dice che

 

 “il tempo è incontrollabile: non possiamo influire sul trascorrere del tempo” e quanto lo vorremmo certe volte! Far volare i momenti bui, quelli noiosi e far “durare per sempre” quelli belli, in cui si sta con le persone che si amano;

 

 “il tempo è irrecuperabile: le ore trascorse non possono essere recuperate”, non possiamo andare a ripescare quel determinato momento per riviverlo e il fatto che possiamo riprovare alcune esperienze vissute non ci assicura che le emozioni saranno le stesse;

 

 “il tempo non è accumulabile: prendere le ore vuote di un giorno per metterle da parte per utilizzarle in una giornata troppo piena non possibile”, ahimè è proprio così e sarebbe il vero lusso dei nostri tempi.

 

Non possiamo gestire il tempo, il tempo non si gestisce. Passa inesorabilmente. C’è qualcosa che possiamo fare, e bene se lo desideriamo: possiamo imparare a organizzarci meglio, a vivere più consapevolmente le nostre esperienze, a non lasciarci andare nel fissarci su alcune cose perdendo di vista le migliori.

 

Seneca disse: “la vita passa mentre aspettiamo di vivere”. Chi si vuole bene, cerca di allontanare questo concetto dalla propria esistenza. C’è chi si blocca perché insicuro, perché legato a vecchie e inutili paure, perché a volte il tempo che passa può diventare un alibi per non aver almeno provato a realizzare qualche progetto. Chi non organizza cene perché prima è convinto di dover diventare un cuoco provetto, chi non prova a fare una selezione per un lavoro perché pensa che sia tempo sprecato…Cercare di contraddire un grande come Seneca, è quello che, inconsapevolmente, ho provato a fare con il conservare dentro me un ricordo di ogni luogo visto quest’estate e di ogni persona incontrata per crescere un po’: è quello che si può fare ogni volta che si sta facendo qualcosa che si ama fare

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.