• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Chiedere e scegliere

Pubblicato da Federica Isola Mar, 23/08/2011 - 15:16

“Chi chiede non ha scelta” dice Donna Tartt nel suo libro “Il piccolo amico”. Mi ha fatto pensare molto questa frase. Se arrivi a chiedere sei in una situazione di bisogno e, quindi, se ti viene dato qualcosa non puoi più scegliere. Se nella tua vita sei libero ed indipendente non chiedi e puoi scegliere, ma se chiedi la tua libertà finisce e così la tua indipendenza.

 

E’ proprio così.

 E’ molto più dura se si decide di essere se stessi, se non si chiedono favori, se non si cerca di entrare nelle grazie di qualcuno. I successi sono meritati e, quando lo sono, riconosciuti solo per ciò che si è fatto in modo autonomo.E’ quando si inizia a chiedere che si rischia di trovarsi vincolati in una serie di relazioni dove le proprie scelte vengono sempre più limitate nello spazio e nel numero.Pensavo di avere terminato le mie riflessioni, ma non è esattamente così. O comunque, ci sono delle eccezioni.Sapere chiedere aiuto è un’arte delle relazioni umane. Troppo spesso ci arrabbiamo quando scopriamo che qualcuno vicino a noi è stato male, ha passato un brutto periodo e non ce l’ha detto, avremmo voluto stargli vicino, aiutarlo e non ci è stata data la possibilità, ma soprattutto sappiamo che per lunghi giorni questa persona è stata male e noi non abbiamo potuto fare nulla.Non è sbagliato chiedere.Chiedere è un modo per farsi conoscere, per comunicare il proprio stato d’animo e le proprie sensazioni.

 

Saper chiedere aiuto quando si sta male  è la più alta forma di autostima che possa esserci, mi voglio bene e mi rendo conto che da solo non riesco a farcela.Ho così fiducia e stima in te e nelle tue capacità che chiedo a te, perché so che in qualche modo saprai starmi vicino, mi consiglierai, mi aiuterai a guardare la mia realtà con occhi e prospettive differenti.Chiedere però non dev’essere pretendere, forse sta proprio in questa differenza, che spesso non è scontata, il punto di non ritorno.

 

E le persone a cui viene chiesto qualcosa? La loro grandezza, la loro differenza in positivo dagli altri? Sono coloro che danno un aiuto, danno un consiglio, rispondono a quella richiesta, non pretendendo poi ringraziamenti, vincoli e soprattutto non condizionando nelle scelte chi si è rivolto a loro.Si tratta di quelle persone che, poi, lasciano comunque scegliere.Ma per essere così, bisogna avere una marcia in più

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.