• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Un manifesto in città: "Funerali a partire da € 1700"

Pubblicato da Giorgio Guidelli Sab, 21/05/2011 - 12:18

La morte non ha prezzo. Nella mia città, sì: "Funerali a partire da € 1700". Così, davanti alla finestra di casa, stuzzica l'attenzione il manifesto di un'impresa d'onoranze funebri. A Pesaro, Marche del nord, finire sotto terra costa più o meno come un bel viaggio. Ma vuoi mettere: con poco più di mille euro, sali al cielo, poi arriva il macchinone scuro, quindi tocca alle corone di fiori, uguali a quelle dei campioni. E, se sei stato bravo, strappi pure un applauso alla folla. In chiesa. O al cimitero. Un'occasione da non perdere. Quale tour in quale altra parte del mondo si rimedia ad un prezzo così stracciato?

Anni fa, in una provincia romagnola, diciamo per niente lontana da Pesaro, ci convocarono in conferenza stampa. Una roba in pompa magna (e anche un po' funebre) organizzata in un solenne salone del Comune. La notizia: nuova società municipalizzata, nuovo corso per i funerali. Low cost. Come un volo in aeroporto. Alla fine dell'evento, arriva il cotillon per noi cronisti: vasetti di fiori, carucci e variopinti. Così va il mercato del passaggio a miglior vita. Ed è un vero toccasana: devo seppellire la nonna rompiscatole? Tanto vale infilarla nel loculo a poche centinaia d'euro. E non ci si pensa più. Anzi, ci si mette una pietra (tombale) sopra. Insomma, anche per chi il portafoglio ce l'ha sempre vuoto, la speranza è l'ultima a morire. Amen. 

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.