• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Lasciateci almeno le stelle cadenti

Pubblicato da Letizia Gamberini Lun, 09/08/2010 - 18:28

Come tutte le ricorrenze, puntuali e rassicuranti, anche per quest'anno si sta avvicinando la notte di San Lorenzo, la serata in cui dovrebbero avvistarsi più stelle cadenti del solito. Quest'estate, per altro, gli amanti dell'astrologia e delle tradizioni dovrebbero essere particolarmente appagati: secondo gli esperti, infatti, sarà una notte più sfavillante del comune, complice anche la luna nuova. Tutti pronti, quindi, a procurarsi panni e coperte, nasi dritti all'insù con un sogno da realizzare. Se i sogni, però, son desideri, sembra che anche questi cambino coi tempi. Sempre secondo le ultime statistiche, infatti, al primo posto tra le richieste che gli italiani rivolgeranno alle stelle non ci saranno né amori eterni, né principi azzurri. Senza scomodare favole dal sapore un po' retrò, non ci saranno proprio neanche flirt estivi 'nati sopra il bagnasciuga e già finiti la sera'. Per i più, infatti, precisamente per il 32% dei casi, i giovani sotto la volta celeste sospireranno per un lavoro. Altro che romanticismo. Il trionfo del pragmatismo e della ricerca di un'occupazione. E' vero, con i desideri non si campa e la crisi diventa anche siderale. Che peccato, però. Peccato che anche una della tradizioni più remote e romantiche come quella di alzare gli occhi al cielo e perdersi nelle costellazioni, sfumi sempre più. O che non riesca a far distogliere, neanche per un attimo, dalle preoccupazioni quotidiane. Forse il liceo classico fa male, però negli anni passati a sudare sugli autori greci, mi è sempre piaciuto pensare che dai tempi più antichi gli uomini guardassero il cielo, si sentissero piccoli puntini, o affidassero agli astri i propri cari che non c'erano più. Molto più banalmente, io sono una di quelle che ci andava, d'estate, plaid alla mano, a scrutarlo il cielo con la compagnia delle vacanze. E il desiderio era sempre, confesso, di coronare l'amore estivo del momento. Si è mai avverato? Neanche una volta. Per la precisione, il ragazzo in questione sembrava interessarsi a tutte, tranne che alla sottoscritta. Nonostante il magro risultato, era bello lo stesso, come bello era essere i primi ad adocchiare una scia luminosa o avere il permesso, per una volta, di rientrare a casa più tardi. Insomma, peccato che la richiesta amorosa sia scivolata in terza posizione, valida per uno striminzito 14%, poco sopra l'auto nuova o l'abito griffato. Peccato che sia sempre più difficile provare ad evadere dalla realtà, anche solo per una sera all'anno.

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.