• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Le pagelle dell'economia: business solare

Pubblicato da Mario Fornasari Ven, 02/12/2011 - 14:12

GIANCARLO DEZIO, 7

Ha fiutato un business nuovo e solare con i rifiuti: il direttore generale di Ecolight punta con la sua azienda allo smaltimento dei pannelli fotovoltaici arrivati a fine vita, una montagna - stima - di 50 mila moduli smontati dai tetti o mai installati perchè difettosi. Oggi l’unico impianto di riciclaggio è in Germania, così Dezio ha predisposto un servizio made in Italy di recupero e smaltimento in tutto il Paese: in gran parte dei pannelli è riutilizzabile silicio, vetro, alluminio e plastica. Come dice Brecht, una parte del talento è il coraggio.

GIULIANO ZUCCOLI, 5

Stucchevole l’ennesimo rinvio sul riassetto di Edison del quale il presidente è almeno in parte responsabile: il braccio di ferro tra soci francesi e italiani ha stretto fra incudine e martello le prospettive di crescita di quella che era una delle principali aziende energetiche del paese. Un altro anno è stato bruciato inutilmente, il sacrificio dell’amministratore delegato non ha portato benefici, gli orizzonti strategici rimangono indefiniti.

 

FRANK MEYSMAN, 7

Missione da far tremare i polsi per il neopresidente della Thomas Cook, il più antico e blasonato fra i tour operators con i suoi 203 anni di storia. Più di un miliardo di sterline di debito, sommato il crollo della capitalizzazione da 3,2 miliardi nel 2007 a 90 milioni della settimana scorsa, hanno fatto precipitare lo stato del gruppo: dai manager la ricetta del risanamento, che individua nel taglio di mille dipendenti e la chiusura di 200 agenzie su 1.100 la medicina amara ma indispensabile.

VINCENT BOLLORÉ, 6

Lo danno in difficoltà con i suoi investimenti italiani in perdita (una decina di milioni di minusvalenze su Premafin e Mediobanca) e le alleanze traballanti ma lui, sornione, continua ad arrotondare le sue quote in piazzetta Cuccia e ad investire, secondo un precetto classico, nei giorni di maggior pessismo.

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.