• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

In direzione ostinata e contraria. Di Sanremo

Ci ho provato. Ho guardato Sanremo, ma è bastato poco per farmi cambiare idea: neanche Natalino Otto, ai suoi tempi, era più pinguino di Baudo e le scarpe biancorossoverdi di Chiambretti hanno depresso perfino Tricarico, già terrorizzato per conto suo. Poi ho visto un gruppetto di bambini (il nome l'ho rimosso) che fingevano di essere di Placebo (sigh) e Michele Zarrillo nei panni di Richard Gere di 'Analisi finale' (brizzolato, languido, fascinoso. eccetera eccetera) e la mia mano ha cercato e grazie a Dio subito trovato il telecomando.

salva e condividi

Il volo notturno di Donald Fagen

Era il 1982 quando quel disco arrivò nei negozi. E ancor oggi è considerato intoccabile nella sua bellezza, sopraffina ed eterna.
Moderno, elegante, creativo. Insomma, perfetto. Questo è ‘The nightfly’, il volo notturno che nel 1982 fece decollare Donald Fagen verso l’immortalità. Un album assolutamente irripetibile, talmente bello che l’autore rimase intrappolato da tanta perfezione da non riuscire più ad incidere un altro cd lontanamente paragonabile.

salva e condividi

Vinicio alla conquista del mondo

Vinicio Capossela sente una vocina: l'Italia ormai è troppo piccina. E allora vai, vai: c'è l'Europa, anzi, il Mondo da conquistare. Concerti a Washington,Bruxelles, Parigi, Londra, Amsterdam, Atene, secondo assaggio dopo il tour della scorsa primavera. L'Ansa si è subito affrettata a sfornare lanci su lanci di agenzie, parlando di entusiasmo e trionfo, ma scrivendo giusto tra le righe che il locale di Bruxelles aveva una capienza di cento posti (ehm ehm) ed era un ritrovo di italiani (ehm ehm).

salva e condividi
Syndicate content