• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

I dischi da ibernare, 'Banco del mutuo soccorso' (8)

In questo semi-desertico blog parliamo spesso, anzi quasi sempre, di progressive straniero. Son esterofilo?

salva e condividi

Patti Smith, una di noi. O quasi

Da sempre avverto un senso d'adorazione, nei confronti di Patti Smith. A volte così forte, così viscerale che spiegarlo, beh, non è affatto agevole. Gli ultimi suoi dischi francamente, son robetta: lo sterile 'Trampin' e l'inutile 'Twelve', quest'ultimo contenitore di cover a volte carucce ('Gimme shelter' degli Stones), a volte discutibili (ma dai, che senso ha rifare i Tears for fears!).

salva e condividi

Crimson Jazz Trio, per non dimenticare

 

salva e condividi

1979, il cielo della musica scopre gli Sky

Se oggi dici Sky, pensi a quell'aggeggio catodico stretto parente di un jukebox delle illusioni. Se invece dicevi Sky trent'anni fa, allora il cielo aveva un altro colore e badate bene, quelle non erano illusioni, bensì musica di uno dei più grandi gruppi di tutti i tempi. 1979, i membri degli Sky erano già dei mezzi nonnetti allora, non oso pensare come saran ridotti oggi.

salva e condividi

Jackson Browne, lui sì che non molla mai

Il caschetto di capelli è sempre quello. Lucido, eternamente con la riga a spiovere in mezzo. E anche il viso, non è poi cambiato di molto, eterno inganno di volto gentile in realtà guscio di un animo da crociato. Perché anche se gli anni sono ormai 60, per Jackson Browne il tempo conta relativamente. C'è sempre un tour all'orizzonte, c'è sempre un nemico da fronteggiare armati solo di una chitarra e parole.

salva e condividi

Dukes of stratosphear. E che la psichedelia degli Xtc sia con voi

 

Mentre il sacro suolo italico è devastato dal dubbio amletico dei Pooh (continuare dopo 38 anni o piantarla lì), io oggi voglio scavare sotto la sabbia. Vi parlo di un gruppo pazzesco, in tutti i sensi: i Dukes of stratosphear. Non vi vedo, ma è come se nell'obliquità del computer trasparisse la vostra faccia perplessa: chi sono questi?

salva e condividi

Visioni di angeli per John Mayhew dei Genesis

John Mayhew è morto a Glasgow, aveva 62 anni. So benissimo cosa state per dirmi: chi diavolo era, questo John Mayhew? Una domanda alla quale i veri appassionati del progressive rock rispondono in un batter di ciglia: era il batterista dei Genesis ai tempi di 'Trespass', 1970, secondo album e soprattutto primo piccolo capolavoro della band di Peter Gabriel.

salva e condividi

La canzone più suonata? 'A whiter shade of pale', e vai con i ricordi

Allora, la trombosissima Bbc radio2 ha spulciato gli archivi della Ppl, società che si occupa dei lucrosi diritti d'autore. Frugando e frugando (chissà a quale scopo, occhio quindi ai vostri portafogli vecchi rokkettari) i parrucconi inglesi han scoperto che la canzone più suonata negli ultimi 75 anni nel Regno Unito è 'A whiter shade of pale' dei Procul Harum (e quanti altri l'avran suonata senza annotarla nei borderò).

salva e condividi

I dischi da ibernare (7), Big Country, 'The crossing'

 

Può una cornamusa sembrare una chitarra? Sì, se ti chiami Big Country. E la mia elucubrazione sui dischi da ibernare, scongelata con colpevolissimo ritardo, sorry, riparte da un gruppo dimenticato. Anche perché di album veramente notevoli i Big Country ne hanno inciso solo uno.

 

salva e condividi

E Kurt Cobain staccò la spina

salva e condividi
Syndicate content