• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Giornalismo fazioso e ipocrita: questa volta sul Papa e sull'immigrazione.

Dott.De Carlo,ho letto nel suo blog la lettera di quel lettore che lamentava ipocrisia e faziosità in un certo giornalismo schierato (quello di sinistra più di quello di destra).Ebbene ne ho avuto la riprova in un articolo di un giornale nazionale, nel quale si riportava un intervento del Papa in fatto di emigrazione.Il titolo era: Il Papa:emigrare è un diritto.Ebbene da un titolo del genere si dovrebbe desumere che il Papa è per l’abbattimento delle frontiere e l’accoglienza di tutti coloro che vogliono entrare in Italia e in Europa...

salva e condividi

Quando il giornalismo diventa fazioso e ipocrita. Israele e il Tea Party.

Dott.De Carlo,sono sbalordito dall’ipocrisia e dalla falsità di chi confeziona notizie come questa.Eccola:è un’Ansa,che recita testualmente:’’TEL AVIV - Una specie di 'tea party' in salsa israeliana sta germinando fra i ranghi dell'ala dura del Likud, il partito di Netanyahu,con l'intenzione dichiarata di contrastare ogni concessione nei negoziati di pace.E in particolare qualsiasi ipotesi di proroga della moratoria edilizia nelle colonie dei Territori occupati,condizione minima necessaria secondo i palestinesi per il proseguimento dei colloqui diretti...

salva e condividi

Fiat, Marchionne ha parlato da imprenditore, non da canadese o da americano

Caro De Carlo,ha visto come tutti,governo,opposizione,sindacati,giornali si sono stracciati le vesti dopo la dichiarazione di Marchionne sulla Fiat?Marchionne non ha parlato da canadese o da americano,come il nostro ineffabile presidente della Camera suggerisce.Ha parlato da imprenditore.A mio parere il suo torto è di avere detto la verità in un paese che preferisce essere sordo per non essere costretto a riconoscere l’assurdità della sua situazione.Che è quella di un sistema fermo,vecchio,cotto e decotto,non più competitivo,geloso nel conservare ai vecchi i loro privilegi...

salva e condividi

Gli italiani presto stranieri in patria...

Dott.De Carlo,io ritengo che l'immigrazione islamica, non sia un fatto casuale,ma il frutto di una programmazione studiata a tavolino.Nel passato ci sono stati dei periodi in cui la differenza di vita fra paesi poveri e paesi ricchi era notevolmente maggiore di quella attuale.Perchè allora la migrazione islamica era praticamente inesistente?Dopo la caduta della scià,l'Iran con il petrolio ha cominciato a tenere in scacco l'occidente,e con i petrodollari, ha trasformato la religione in strumento di "redenzione"...

salva e condividi

Obama sull'abisso (di debiti)

Caro De Carlo,sto leggendo il suo libro ‘’Un Tè Freddo per Obama’’ e lo trovo molto stimolante.Trovo soprattutto informazioni,analisi,giudizi che sono invece introvabili sulla stampa nazionale.Mi sta aprendo gli occhi su questo presidente mezzo nero e mezzo bianco,dal nome mezzo arabo e mezzo africano,fortemente motivato da un’ideologia socialista che – come lei scrive – è incompatibile con il codice genetico dell’americano medio.E ora la domanda:lei pensa davvero che il Congresso tornerà repubblicano nelle elezioni di medio termine in programma il prossimo 2 novembre?...

salva e condividi

Chiudere ai Rom? Avremmo dovuto pensarci prima.

Dott.De Carlo,mi sono chiesto come mai gli Stati Uniti siano intervenuti a favore dei Rom riguardo la loro espulsione dalla Francia.La questione richiama il passato (nazisti etc.) però ingiustamente,perché non c’entra proprio niente la questione etnica o la discriminazione razziale,non esistono leggi anti-Rom,si tratta solo del problema dell’immigrazione e delle sue regole.Di cercare di mettere un freno,di contrastare questo movimento di persone che si rivela pericoloso.Con la storia dei diritti il mondo occidentale andrà alla rovina,non sono da imitare i modelli autoritari...

salva e condividi

Internet e i giornali al bar...

Dott.De Carlo,ho letto che Murdoch vorrebbe far pagare le notizie da leggere in rete.Ma quale ufficio marketing ha?Se fa così si rovina per sempre.Forse i suoi giovani masterizzati in qua e là non hanno capito l'acqua fresca:in realtà la gente si informa alla TV per le cose principali ma SI RIPOSA LA MENTE E SI ACCULTURA comprando il giornale di carta da leggere con comodo a casa ed al bar.Se i giornali di carta chiuderanno perché hanno troppe spese o perché non sanno amministarsi...

 

 

salva e condividi

Difendere l'Islam? Non ne ha bisogno. Ci siamo già arresi.

Egregio De Carlo,le esprimo il mio punto di vista sul Suo articolo sul QN (La sagra del buonismo).Sciocchezze al vento.E,comunque,tutto è relativo.Per me,infatti,questo politicamente corretto di cui si ciancia consiste non nel difendere il buon senso e magari anche l'Islam,ma nel dire quello che dicono quasi tutti, opinionisti di professione,massaie di Voghera,cattolici praticanti o meno, politici di ambo le sponde, attorucoli ed attricette etero, omo e bisessuali.E’ in atto uno scontro di civiltà...  <

salva e condividi

Multiculturalismo e multicretinismo

Egregio Dott.De Carlo,ho letto ed apprezzato il suo articolo sul Resto del Carlino.Concordo pienamente.Aggiungo che sono piu' preoccupato del "buonismo" europeo che di quello americano,in quanto il popolo statunitense e' comunque perennemente in guerra col mondo islamico,anche e solo per gli interessi economici a lui cosi' cari in Medio Oriente.Sono piu' sconcertato dell'atteggiamento europeo: come possiamo noi europei che a grande fatica abbiamo separato il potere religioso da quello laico... 

salva e condividi

Contratti alla cinese: vuoi il posto? Impegnati a non suicidarti!

Caro Dottore,leggo su Italia Oggi il seguente trafiletto:Diritto & Rovescio.Dopo 11 suicidi (e altri tre tentativi, solo nell'ultima settimana) nella fabbrica cinese di Foxconn, a Shenzen, anche in Cina si è posto il problema delle condizioni di lavoro infernali nelle fabbriche: 12 ore al giorno per sette giorni la settimana per un salario di ingresso di 100 dollari al mese.La fabbrica è immensa: ha 360 mila dipendenti...

salva e condividi
Syndicate content