• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Cinque campioni per il dopo Ibra, nessuno per Kakà: ecco la differenza fra Inter e Milan

Non c’è nulla di nuovo sotto il sole nel senso che è tutto logico se l’Inter travolge il Milan. Per il semplice fatto che la squadra di Mourinho è nettamente superiore a quella di Leonardo. Cosa, del resto, che sapevamo, basta guardare i valori delle truppe nerazzurre e di quelle rossonere.

salva e condividi

Se Lippi non convoca Cassano tifo per l'Inghilterra di Capello

Marcello Lippi è il ct campione del mondo, è un ottimo tecnico ed è anche un buon amico però su Cassano proprio non lo condivido. Detto fra di noi l’esclusione del gioiello della Samp, anzi del gioiello del calcio italiano, mi irrita al punto che se non lo porta ai mondiali potrei tifare non per l’Italia ma per l’Inghilterra di Fabio Capello, l’allenatore in assoluto che stimo di più.

salva e condividi

Inter, Juve e Milan già in crisi?

Inter, Juve e Milan già in crisi? Forse no, è presto, ma a giudicare dai risultati e non solo da quelli vien da dire di sì. La squadra di Mourinho ha perso la Supercoppa con la Lazio, la squadra di Ferrara è stata ridicolizzata dal Villareal in amichevole, la squadra di Leonardo ha collezionato, triste record, sei sconfitte di fila in queste uscite estive.

salva e condividi

Scudetto: duello Inter-Juve ma nerazzurri favoriti perchè più forti in difesa

L’Inter ha perso Ibra, il suo giocatore migliore (non fatevi incantare: Eto’o, pur bravo, non lo vale) eppure resta la favorita per lo scudetto. E comunque può darle fastidio la Juve, unica squadra in grado di competere con quella di Mourinho.

salva e condividi

Ibra, la volpe e l'uva

E voi credete che il Barcellona, la più grande squadra d’Europa e quindi del mondo, spenda 65 milioni di euro per un attaccante bravo solo nel campionato italiano? La verità è che Ibra primeggia in campionato perché da solo, pur essendo un campionissimo, non può regalare la Champions a un’Inter che non la vince da quasi mezzo secolo e non può regalare successi alla sua Nazionale, la men che mediocre Svezia.

salva e condividi

Caro Lippi, per salvare l'Italia ci vuole la rivoluzione. Sperando che basti.

Il ciclo della Nazionale campione del mondo è chiuso: ora ne siamo tutti convinti, speriamo lo sia anche Lippi. Il ciclo è chiuso perché la Nazionale è vecchia e imborghesita al punto che perde e gioca male. Amara verità venuta fuori con il povero Roberto Donadoni di cui Abete si è privato con cattivo gusto e con dubbia competenza ed esplosa con Marcello Lippi che dà la pessima impressione di essere prigioniero del suo dorato passato.

salva e condividi

Col Milan che vende Kakà e la Juve che compra Cannavaro scudetto all'Inter per altri 100 anni. A meno che non parta Ibra...

Se il Milan, per ragioni di bilancio, cede Kakà che è il suo miglior giocatore e se la Juve acquista, per risparmiare, l’ex colonna Cannavaro che credo abbia imboccato il famoso e famigerato viale del tramonto, beh, l’Inter è e destinata a vincere lo scudetto anche nei prossimi cento anni.

salva e condividi

L'effetto Guardiola rischia, con Leonardo e Ferrara, di fare del male al calcio italiano

Guardiola o meglio l’effetto Guardiola potrebbe fare molto male al calcio italiano. Infatti due club illustri come Milan e Juve, scimmiottando il Barcellona, fanno sedere in panchina due allenatori che non hanno mai allenato. Il rischio è grande quanto è grande l’inesperienza di Leonardo e Ferrara.

salva e condividi

Repertorio e numeri del fenomeno Ibra

Ibra ha una faccia così antipatica che più antipatica, forse, non si può. Ed è indisponente anche per certi atteggiamenti. Ma per il resto è più di un fuoriclasse, è un fenomeno: lo dimostra il suo repertorio da giocatore straordinariamente completo, lo dimostrano i numeri che sono tutti dalla sua parte.

salva e condividi

Se Veronica Lario ha un amante i moralisti di sinistra vanno ko

E’ clamorosa la rivelazione di Daniela Santanchè a ‘Libero’ secondo la quale Veronica Lario ha un compagno che si chiama Alberto Orlandi, ha 47 anni, è capo del servizio di sicurezza di Villa Macherio e con lui condivide progetti, interessi e vacanze. E’ clamorosa perché serve a stabilire una verità che Repubblica, l’Espresso e altri giornali di sinistra hanno visto a modo loro. Cioè in modo sbagliato, volutamente sbagliato.

salva e condividi
Syndicate content