• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Greco lui, turca lei: il matrimonio dura mezz'ora

Pubblicato da Davide Costa Lun, 07/04/2008 - 20:39

Una notizia che, se non fosse drammatica, sarebbe anche divertente...
Ankara, 7 apr. - (Adnkronos) - Avrebbe potuto essere il simbolo della riconciliazione dopo decenni di odio, minacce e guerre sfiorate, invece è diventato la metafora della difficoltà di superare i problemi del passato. È durato mezz'ora il matrimonio tra un greco e una turca, scappata in lacrime dalla cerimonia, celebrato come il trionfo di una nuova era nei rapporti tra i due Paesi. Secondo quanto scrive il quotodiano turco "Today's Zaman", Seval Kelebnik, 33 anni, aveva incontrato il greco Mihailis Kutsakiozis, 38 anni, cinque mesi fa ad Ayvalik, città sull'Egeo. Immediata era scattata la scintilla e qualche settimana dopo i due, travolti dall'amore, avevano deciso di sposarsi.
Tutto è andato liscio fino a sabato scorso, giorno del matrimonio: dopo la firma delle carte matrimoniali, lo sposo ha annunciato una "sorpresa" per gli ospiti. Prima è uscito dalla stanza dove è stata celebrata l'unione, poi è rientrato portando con sé delle foto e delle candele e dicendo: "I turchi hanno ucciso mio padre prima della guerra, vorrei osservare un minuto di silenzio in suo onore".
A quella dichiarazione, la sposa è scappata in lacrime, mentre alcuni invitati greci litigavano con l'uomo, lamentando l'inopportunità di quel gesto. Secondo alcune notizie, Kutsakiozis sarebbe partito immediatamente per la Grecia, portando con sé "i gioielli ricevuti in dono dalla coppia", ma un amico, Fani Solitaris, ha raccontato che in realtà l'uomo si è recato a Smirne per presentare i documenti per il divorzio.

|
salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.