• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Dai laboratori afgani l'addestramento dello shahid

Diventare uno shahid (in arabo "testimone") cioè un martire secondo la nostra traduzione, non è semplice. Da anni l’addestramento parte dai laboratori afgani per finire con gli attentati suicidi in diverse parti del Mondo. I martiri sono le vittime prescelte degli imam. Di recente molti talebani del Nord Afghanistan si sono dichiarati pronti ad un nuovo martirio pur di ribellarsi all’invasore occidentale. I talebani diciamo doc, quasi tutti pashtun afgani vivono nelle roccaforti della provincia di Helmand e di Kandahar.

salva e condividi

Gli effetti della crisi nel settore Difesa. Un'analisi comparata sulle spese militari

Il Regno Unito è sicuramente il Paese che ridurrà di più il badget militare. La nuova Strategic Defense Review britannica definirà i tagli che dovrebbero avvicinarsi agli 8 miliardi di sterline su un bilancio 2010 di 40 miliardi di sterline.

salva e condividi

Libia 1911-2011. Cento anni fa le prime bombe dal cielo

Gli assetti italiani continuano ad essere impiegati in Libia. Una riflessione ci riporta indietro di 100 anni quando l'Italia sganciava le prime bombe sul territorio nordafricano.

salva e condividi

La guerra in Libia raccontata in soldoni

Uomini dilaniati. Ferite tipiche da cluster bomb. Il regime di Gheddafi nega le evidenze. La guerra in Libia si sta procrastinando e l'ipotesi di rivedere la futura Libia suddivisa tra i ribelli e i fedelissimi del Raiss non è più insensata. Non ci sarebbe nessuna novità visto che anticamente il territorio libico con le sue aree tribali era suddiviso in 3 province la Tripolitania, la Cirenaica e Fezzan. Ma quanto è costata finora la guerra in Libia?

salva e condividi

L'impegno della Ong italiana Cesvi nella terra di Hamas e Al Fatah

Annusa il gelsomino e assaggia le nostre olive. Questo il messaggio di benvenuto della compagnia telefonica palestinese. Purtroppo di ulivi oggigiorno ce ne sono pochi se si pensa che soltanto nel villaggio di Anin ne sono stati sradicati oltre 4.000 per fare spazio alla by pass road e al muro per proteggerla.

salva e condividi

Il collezionista di Barbie

Quella notte un acquazzone si era abbattuto sulla città di Aversa nel casertano. Il movimento cadenzato di gocce e il ripetuto ticchettio sulle grate delle celle rendeva gli internati più nervosi del solito. La mattina successiva un dolce aroma di caffè espresso percorreva i corridori del “Criminale” come lo chiamano da queste parti.

salva e condividi

Petraeus visita il contingente italiano in Afghanistan mentre i Taleban sbarcano su Twitter

La guerra asimmetrica diventa mediatica. I talebani sbarcano su Twitter. Molti messaggi rimandano al sito dei Taleban “Emirato islamico dell’Afghanistan” e sul profilo @alemarahweb principalmente in lingua pashtun. I talebani considerano Karzai una marionetta in mano alle potenze occidentali ormai sotto assedio dopo la cattura e l’uccisione del leader di Al Queda Osama Bin Laden.

salva e condividi

La guerra dei contractors

Soldi e adrenalina. La guerra parallela di alcuni uomini specializzati. Giampiero Spinelli è un contractor. Attualmente lavora per l'azienda  italiana I-Protego Defense con sedi a Roma e Noci. Dopo essere stato parà della Folgore, in seguito al congedo, ha lavorato con una società israeliana come contractor in Medio Oriente per 3 anni.

salva e condividi

Noi ragazzi dello “zoo” di Manduria

Un vero e proprio tsunami ha colpito l’abitato di Manduria. La tendopoli che scoppia. Poco meno di mille profughi chiusi in un recinto, dove ne erano arrivati 3.300. La maggior parte scappati nella speranza di raggiungere la Francia nonostante i blocchi alla  frontiera. Profughi che si riversano lungo la strada provinciale che porta ad Oria (Brindisi). Ieri nottata tranquilla ma sabato 2 aprile all’imbrunire erano scappati in 900 anche se poi erano rientrati quasi tutti.

salva e condividi

Missione all'italiana

Gli assetti aerei e navali italiani, 12 velivoli e 4 navi, messi a disposizione della NATO per l’operazione “Unified Protector”, continuano le missioni assegnate per l’imposizione della “No Fly Zone Plus” e dell’”Embargo Navale”. Negli ultimi giorni sono state effettuate diverse missioni con compiti di ricognizione o funzione di sorveglianza condotte principalmente da Tornado ed Eurofighter.

salva e condividi
Syndicate content