• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

La guerra in Libia raccontata in soldoni

Pubblicato da Roberto Colella Mer, 13/07/2011 - 12:15

Uomini dilaniati. Ferite tipiche da cluster bomb. Il regime di Gheddafi nega le evidenze. La guerra in Libia si sta procrastinando e l'ipotesi di rivedere la futura Libia suddivisa tra i ribelli e i fedelissimi del Raiss non è più insensata. Non ci sarebbe nessuna novità visto che anticamente il territorio libico con le sue aree tribali era suddiviso in 3 province la Tripolitania, la Cirenaica e Fezzan. Ma quanto è costata finora la guerra in Libia? Embedded Agency, agenzia diretta dal sottoscritto ha realizzato uno speciale proprio su questo tema. 10 ore di pattugliamento con un equipaggio di un Awacs costa 18700 dollari per ora di volo. La prima settimana di guerra è costata ai paesi occidentali intervenuti oltre 600 milioni di euro. 568 milioni di euro per i primi giorni dell'offensiva "Odissea all'Alba". Le prime stime sono state rivelate dal settimanale americano National Journal e dal mensile francese Challenges. Secondo Jean-Marie Colombani, ex direttore di Le Monde, il mantenimento della zona di esclusione aerea rappresenterebbe una spesa settimanale dai 21 ai 67 milioni di euro. Secondo il vicedirettore dell’Istituto Francese per le Relazioni Internazionali e Strategiche (Iris), un anno di applicazione di no fly zone in Libia costerebbe fra i 150 e i 250 milioni di euro. Il solo primo giorno di conflitto ha comportato per gli USA una spesa di 68 milioni di euro. I missili Tomahwak lanciati dagli Stati Uniti, ciascuno del costo che si aggira tra i 700.000 e 1.500.000 €, in media di € 800.000, sono stati 170 mentre i mezzi aerei ogni ora accollano € 6.000 per il carburante e 700 per la sola manutenzione. Un giorno medio di guerra degli Stati Uniti si calcola costi intorno ai 130 milioni di dollari, ma con la riduzione delle attività americane, la loro spesa dovrebbe ridursi a 40 milioni di dollari al mese. La rivista Forbes spiega che la Difesa americana costa circa 2 miliardi di dollari giornalieri. Questo denaro non è sufficiente per condurre un’operazione duratura ma solo per interventi sporadici che non durino troppo, come appunto nel caso della Libia. Per la Francia la prima settimana è costata 21 milioni di euro. Sempre secondo l’ex-direttore Colombani, le 400 ore di volo dei caccia francesi Mirage 2000 e Rafale sono costate 5 milioni di euro esclusa la spesa del carburante e quella dei missili AASM che costano 300mila euro ciascuno. Gli esperti britannici assicurano a loro volta che Londra nella prima settimana delle operazioni ha avuto costi per 25.000.000 di sterline escluse le munizioni. La spesa per l’Italia in una settimana è stata di circa 12 milioni, di cui 10 per l’aviazione. I Tornado hanno eseguito infatti 32 sortite ciascuna del costo di 300 mila euro escluso l’eventuale lancio di missili anti-radar AGM-88 HARM (che vengono circa € 200.000 al pezzo). La guerra libica potrebbe costare all’Italia oltre un miliardo. A metà aprile La Russa disse in un’intervista che erano già stati spesi 500 milioni, contando anche i fondi del ministero dell’Interno per l’emergenza profughi e immigrati. Sul piano militare, l’impiego di aerei e navi nel primo mese di guerra aveva raggiunto quasi 50 milioni di euro, considerando 1.200 ore di volo. Costi impressionanti legati all'industria bellica e ai suoi profitti da capogiro.

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.