• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Montichiari, anche la Brambilla manifesta contro l'allevamento dei cani da vivisezione

Pubblicato da Gloria Ciabattoni Ven, 02/12/2011 - 17:44

 

Sono scesi in piazza questa mattina i sostenitori del Comitato Montichiari contro Green Hill a Montichiari (BS) per chiedere la chiusura del canile-lager dove vengono allevati cani beagle destinati alla vivisezione. Il Comitato ha consegnato al sindaco, dott.ssa Elena Zanola, un dossier con 16.896 firme di sostegno, accompagnate dalla lettera che segue:Gentilissimo Signor Sindaco di Montichiari, Dottoressa Elena Zanola,oggi 2 dicembre 2011 il Comitato Montichiari contro Green Hill si fa portavoce degli oltre 2700 beagle prigionieri del lager di via San Zeno per chiederLe di chiudere Green Hill, immediatamente, definitivamente e senza condizioni.La nostra raccolta firme è iniziata il 22 maggio 2010 durante uno dei tanti presidi nazionali contro Green Hill e  contro la vivisezione che si sono svolti a Montichiari negli ultimi due anni.Sedicimilaottocentonovantasei (16.896) persone di ogni regione d’Italia hanno firmato la nostra petizione. Alcuni amici ci hanno aiutato a diffondere la raccolta là dove non saremmo mai potuti arrivare con i nostri banchetti informativi, dato che siamo solo un gruppo di volontari. In questi giorni stiamo ricevendo centinaia di nuove firme e di offerte di aiuto per estendere la petizione in ogni angolo d’Italia, anche il più remoto. Se questa disumana e vergognosa fabbrica di cani non chiuderà i battenti, Le promettiamo che torneremo in piazza e che  Le consegneremo  migliaia di altre firme. Le chiediamo, a nome nostro, dei firmatari della petizione e soprattutto a nome dei beagle di non lasciare cadere nel vuoto la nostra richiesta. Non ci accontentiamo di promesse! Vogliamo la chiusura definitiva ed effettiva di questo allevamento. E’ l’unica soluzione possibile per questo inquietante caso di rilevanza ormai nazionale. La impone la coscienzaL’ex ministro del turismo Brambilla ha aprtecipato alla manifestazione e scrive sulla sua pagina Facebook agli amici animalisti di .Il mese scorso, l’on. Brambilla – autrice di un  emendamento alla legge comunitaria 2011 che vieta l’allevamento sul territorio nazionale di cani, gatti e primato destinati ai laboratori - ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica e ai Nas di Brescia, richiedendo in forma ufficiale un intervento volto ad “accertare violazioni della normativa statale e regionale in materia di tutela del benessere degli animali di affezione”, irregolarità confermate durante un’ispezione di guardie zoofile delegate. La Procura ha aperto un’inchiesta.Personalmente, mi domando il sindaco cosa ci stia a fare. E se qualcuno lo rieleggerà.

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.