• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Gli italiani e il sito delle scappatelle

Pubblicato da Gloria Ciabattoni Ven, 28/10/2011 - 16:15

 

Siamo proprio messi bene: anche per fare una scappatella abbiamo bisogno di internet. Pare infatti che un sito per persone sposate o impegnate in cerca di relazioni extraconiugali appena arrivato in Italia abbia supper erato in una settimana i 100 mila iscritti. Probabilmente non è il solo sito, quindi gli aspiranti fedifraghi sono forse anche di più, contando quelli che si iscrivono un po' dappertutto perchè sono dei disastri. Ciò vuol dire che senza l'aiuto del web non riusciamo neppure più ad avere un'avventura. Non si diceva una volta che i posti migliori per fare incontri erano i supermercati? Qui casalinghe annoiate erano pronte a scambiare quattro chiacchiere (e non solo) con scapoli o presunti tali in cerca della pizza surgelata migliore. Sempre più economico che chiamare l'idraulico, che poi non sempre quello che ti arriva è tale e quale al tizio che vedi negli spot pubblicitari. E non si diceva fino a qualche tempo fa che le relazioni extraconiugali nascevano in prevalenza sul posto di lavoro? Se le cose sono cambiate, è comprensibile: forse ci siamo stufati (e stufate) di vedere la stessa faccia per otto ore al giorno nell'ufficio a fianco e poi anche sotto le lenzuola. Quindi via con un clic e che il cielo ce la mandi buona (o buono).

Quel che è ancora più buffa è la motivazione che adducono i responsabili del sito: salvare i matrimoni al grido di "Rivivi la passione - Fatti Una scappatella". Come dire l'uovo di Colombo: <Gli italiani non devono lasciare il proprio partner e rovinare la famiglia per rivivere la passione e sentirsi di nuovo vivi. Offriamo un punto d'incontro sicuro e anonimo e ci assicuriamo che non vi scoprano> ha affermato a un'agenzia di stampa uno di questi signori. E prosegue il guru salvafamiglie. <Abbiamo promosso uno studio di mercato prima del lancio, e i risultati sono stati sorprendenti: più del 57% di uomini e donne, sposate o impegnate in una relazione, ammettono di aver avuto almeno una relazione extraconiugale. Inoltre, il 73% degli italiani sposati o impegnati dichiara di prendere in considerazione la possibilità di utilizzare questo sito per intraprendere una relazione. Nelle relazioni di lunga durata l'infedeltà è la norma, in Norvegia come in Italia, e in quelle più stabili serve persino a ravvivare il menage. Nei paesi in cui siamo presenti da più tempo riceviamo quotidianamente mail di persone che ci scrivono per ringraziarci perché, grazie al nostro servizio, sono riuscite a salvare il loro matrimonio e la loro vita famigliare>. Surreale, vero? Secondo i dati del sito gli iscritti si dividono abbastanza equamente tra uomini e donne (rispettivamente 55% e 45%), l'età media del web-traditore è di 39 anni per lui e di 34 per lei, reddito medio-alto, e vive in una citta' medio grande del centro-nord. E il 73% degli iscritti italiani a Victoria Milan (in pratica 7 su 10) afferma di voler concedersi una scappatella per salvare il proprio matrimonio.

Come scusa, c'è di meglio. Quel che mi stupisce non è certo che tanti italiani abbiano voglia di evasioni fuori menage, ma che tanti polli abbocchino all'amo del web. Anonimato garantito? Ma dove? Ma se anche chiamando dal cellulare puoi essere intercettato! E come se non sapessimo che ogni clic che digitiamo lascia una traccia indelebile di noi! Quali garanzie abbiamo che nessun hacker rubi nostri segreti? Il sito per alcuni aspetti è esilarante, soprattutto quando invita a pubblicare le proprie foto... anonime. E naturalmente a inserire informazioni non personali, quindi chi garantisce che solo le brave persone partecipino a questo gioco? Ora è vero che stiamo parlando di scappatelle e sarebbe ingenuo cercare così l'amore della vita, ma viene naturale pensare che forse qualche maniaco c'è rischio di incontrarlo.  Però se c'è gente tanto imbranata o complessata o senza fantasia che per farsi una sc... ha bisogno del Viagra informatico, pazienza: è uno specchio – tristissimo- dei nostri tempi. Basta che poi nessuno poi si lamenti delle brutte sorprese. E comunque in alternativa c'è sempre il vecchio caro supermercato.

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.