• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Fiorello e Benigni, un inno per ricordarci... dove siamo veramente

Pubblicato da Gloria Ciabattoni Mar, 06/12/2011 - 18:17

 

E bravo Fiorello, che tenendo inchiodati alla tv 13 milioni 401 mila spettatori (con punte di 16 milioni) ci ha fatto fare due risate alla faccia della stangata che ci arriva addosso. Si riconferma così valido il detto latino « ...duas tantum res anxius optat, panem et circenses >Insomma il popolo vuole due cose, il pane e i giochi da circo. Sul primo, vedremo se dovremo mangiarlo da solo perchè non potremo permetterci in companatico. Sui secondi invece stiamo tranquilli, mamma Rai ce li elargisce. Anche se un po’ di preoccupazione vedendo Benigni ce l’ho avuta: non faceva altro che parlare di Berlusconi, non è che, orfano del premier, dovrà (come molti altri comici) riadeguare il proprio repertorio e non sa dove attaccarsi, viste le facce serie del nuovo governo? Mancando nani e ballerine, fare le battute è più difficile. E allora, à la guerre comme à la guerre: rispolveriamo di tutto pur di far salire l’audience. Sdoganiamo il preservativo, sì chiamiamolo con il suo nome, e pazienza l’arrabbiatura di Famiglia Cristiana e dei telespettatori cattolici (che poi non ho capito perchè si arrabbiano tanto). Ben venga anche l’elogio a Pertini, che è un mito per la maggior parte degli italiani. E infine, giù peso per strappare la risata: Benigni intona <L’inno del corpo sciolto> che da secoli non cantava in Rai. Un tocco da maestro. Un gran finale. Un modo divertente, carino, per farci ricordare, qualora l’avessimo dimenticato, che siamo tutti nella c... fino al collo.

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.