• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Presa a sassate a 13 anni dal fidanzatino, come si spiega una tale atrocità?

Se penso a un'età compresa tra i tredici e i sedici anni mi viene subito in mente Sophie Marceau e il tempo delle mele. Lei, bellissima nella sua spensieratezza, rapita dalle note di Richard Sanderson e quel ritornello ripetuto fino allo sfinimento, "Dreams are my reality" ("i sogni sono la mia realtà").

salva e condividi

Tra guerra e violenze si può comunque coltivare un orticello di felicità?

In questo periodo c'è poco da stare allegri. Prendiamo la guerra in Libia, giusto per fare un esempio. O quelle povere donne che manifestavano in Piazza Tahrir, al Cairo, prese, torturate e pure sottoposte al test di verginità, pena essere incriminate per prostituzione. Insomma, ce ne sarebbe abbastanza per decidere di chiudere la porta in faccia alla vita.

salva e condividi

Dire addio via Facebook: un clic vale più di mille parole

Mi sono resa conto di una piccola grande verità: se hai un profilo Facebook, la tua vita sentimentale subisce una svolta pazzesca. E mica perché ti ritrovi a chattare con l'amico della porta accanto alle tre di notte, mentre se lo incontri manco gli dici ciao. Fosse solo questo l'effetto collaterale, passi. Il problema è molto più profondo. Oggi per chiudere storie, relazioni, amori, fugaci passioni, non serve a niente dirselo in faccia.

salva e condividi

Donne, dall'8 marzo un nuovo inizio

Care donne,

auguri. Sì, lo so sembra patetico, ma almeno questa volta facciamo in modo che non lo sia. Basta non banalizzare la festa della donna con un mazzo di mimose e una pizzata triste con amiche che non vedi mai, in uno di quei locali simil balera. Perché, care 'sorelle', oggi potrebbe essere un giorno speciale per guardarci tutte insieme negli occhi e fare il punto della situazione: non è il massimo la condizione femminile in Italia, ma già che siam qui cerchiamo di cambiarla. Aboliamo l'aspetto sfigato della festa e salviamo, invece, quello di 'lotta'. Intesa come stravolgimento di un Paese che, finora, ha dimostrato essere di tutti ma non delle donne.

salva e condividi

Donne, quando il cambiamento parte dal 'lato B'

Oggi bighellonando per la città mi sono chiesta: mi dà fastidio vedere una pubblicità con delle belle chiappe femminili in esposizione? E due ragazze che 'mangiano' un ghiacciolo in modo moooolto ammiccante? Mi offendono immagini del genere? Mi sento offesa, come donna, da pubblicità che 'usano' il corpo femminile in modo poco evocativo e fastidiosamente allusivo? E' giusto usare ancora questi vecchi trucchetti per far parlar di sè e, quindi, vendere di più? La mia risposta è decisamente NO.

salva e condividi

Adozioni ai single, perché tante polemiche?

Ho avuto il piacere in questi ultimi giorni di seguire il caso aperto dalla sentenza della Cassazione di lunedì: l'apertura della Suprema Corte all'adozione ai single. Senza entrare troppo nel merito della questione, evitando di dilungarmi su lunghe e annose spiegazioni (e ce ne sarebbero parecchie), mi soffermo sul nocciolo della questione: alla parola SINGLE, boom di polemiche.

salva e condividi

Donne in piazza per prendersi la luna (da sole)

"Donne capaci di prendersi la luna. Da sole", scrive Daniela sul web. Dovrebbe essere questo lo slogan da appiccicarsi in testa e sul cuore domani alla manifestazione delle donne che invaderà tutte l'Italia. Non mi piace pensare che a spingere le donne in piazza sia ancora una volta un politico e la sua condotta. o Ruby e le altre 'olgettine'.

salva e condividi

Spagna, gli uccisero i cani senza pietà. Ora lo condannano a 4 anni di prigione

Sono addolorata per quello che a volte può succedere. La storia di Simone Righi è una storia di tutti e, come tale, tutti non possiamo far finta di niente. Riporto qui sotto il mio articolo di oggi uscito sul Resto del Carlino. Facciamo rumore, anche le parole a volte servono a qualcosa.  

salva e condividi

Ruby & Co.: l'esercito delle donne robot

Quando guardo i visi delle donne dell''harem' di Silvio Berlusconi impallidisco. Sono ragazze giovani, per lo più piuttosto belle e vestite alla moda. Hanno diciotto, venti, venticinque anni o poco più e, purtroppo ci fanno sapere, per via delle intercettazioni telefoniche, qual è il loro mondo. Leggere certe frasi mi ha fatto vergognare per loro. E, soprattutto, mi ha letteralmente choccata non cogliere in nessuna un attimo di smarrimento.

salva e condividi

Le rughe sconfiggono la Bbc. Miriam torna in tv

 

Ogni tanto mi capita di vedere il Tg di Sky. Alla conduzione ci sono ragazze e ragazzi bravissimi e bellissimi: non si impaperano mai, leggono le notizie con garbo e hanno le fattezze di attori e attrici. C'è qualcosa di male? Per me assolutamente no.

salva e condividi
Syndicate content