• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Le lezioni d'amore in tv? Umiliano le donne

Partite dall'assunto: se una donna non ha un uomo è una sfigata. Convincetevi di questo e iniziate a struggervi in maniera irreparabile, mettendovi in testa che c'è qualcosa di sbagliato in voi che non vi permette di seguire l'iter classico senza intoppi: fidanzamento, matrimonio, pargoli.  A meno che... non arrivi, guarda caso, proprio un uomo a risolvere la situazione. O almeno a provarci. Come? Sbattendovi in faccia i vostri fallimenti, umilandovi davanti a ex fidanzati stizziti o amici consapevoli che siete un caso disperato.

salva e condividi

Donne, la protesta corre sul web

Posto il mio articolo uscito oggi su QN (uno dei pochi giornali nazionali che oggi ha trattato la Giornata contro la violenza sulle donne, ndr).

salva e condividi

Giornata contro la violenza sulle donne, alcune frasi da non pronunciare

A volte capita, da donne, di sentire, ascoltare, leggere frasi che danno un fastidio fisico. Una sorta di prurito che però si contagia. Quello che vorrei è che oggi, 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, nessuno le pronunciasse più. Facciamo una pausa. E, se sentiamo queste frasi, domande, affermazioni spocchiose, dannose per noi stesse, le nostre madri, sorelle, colleghe e amiche, non abbassiamo la testa, ma, almeno oggi, rispondiamo. A voce alta. E a nome di tutte.

 "Voglio una donna con la gonna".

salva e condividi

Paola, 40 anni, giornalista precaria, fa lo sciopero della fame e della sete

Nel post precendente parlavo dell'ingiustizia di fronte a colleghe giornaliste preparate e condannate a un precariato a vita e quello delle Ruby che hanno scelto varie scorciatoie per girare in Ferrari. Ecco sono rimasta sbalordita dal fatto che proprio ora apprendo che Paola, la giornalista 40enne rimasta senza contratto perché a lei è stato preferito un collega senza esperienza, ha deciso di farsi sentire con una soluzione drastica: lo sciopero della fame e della sete. Sono rimasta senza parole.

salva e condividi

Ingiustizie/ Ruby viaggia in Ferrari, le precarie pedalano

Sono arrabbiata e indignata. Il motivo è molto semplice: non solo la meritocrazia non esiste, ma il suo contrario governa il mondo.

salva e condividi

Altro che donne in carriera, il 76% del lavoro domestico è tutto nostro

Donne, non lamentatevi più. Non chiedete pari opportunità, divisione dei compiti, più tempo per voi e i vostri figli. Smettete, di crederci, pure l'Istat vi rema contro. Proprio il famoso istituto di statistica ha, infatti, fatto decadere qualsiasi speranza, confermandoci ciò che sapevamo già da un pezzo: le donne sono rimaste ai fornelli e, sulle loro spalle, grava oltre il 76% del lavoro. Mica bazzecole. Della serie, non facciamo più la calzetta ma poco ci manca.

Sto esagerando? Nossignori. Per onor di cronaca riporto il dato Istat del biennio 2002-2003: ebbene le cose, da allora, non sono praticamente cambiate. O, se proprio, vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno, sono mutate a ritmo del bradipo più bradipo dell'Universo.

salva e condividi

Facebook, arriva il giorno per 'tagliare' i finti amici e rifarsi una seconda vita (virtuale)

E' sempre stato così: nuovo anno, nuova vita. E via a una sfilza di buoni propositi con liste ed elenchi infiniti di 'rami secchi' da estirpare. E' brutto da ammettere, ma facciamolo una buona volta senza ipocrisia: spesso siamo circondati da gente di cui non ce ne può fregar di meno. E, nonostante la consapevolezza non manchi, facciamo finta di niente.

salva e condividi

Lavoro, i giovani sono disposti a tutto? Gli annunci gag circolano sul web

 

Navigando in Rete a volte ti imbatti in cose strane. Una di queste, è il sito http://www.giovanidispostiatutto.com/. I 'giovanidispostiatutto' del sito web non hanno ben spiegato cosa stanno facendo, ma intanto hanno guadagnato 10mila contatti e 2700 fan su Facebook, incuriosendo non poco gli internauti. I ragazzi - dei simpaticoni di sicuro - hanno ben presente che cos'è il guerrilla marketing e, proprio seguendo questa strategia, stanno invadendo i social network (nonché stazioni e università) con annunci di lavoro a dir poco dissacranti. Agenzia di pubblicità cerca account junior con padre pronto a mantenerlo a vita" oppure "Gruppo informatico cerca giovani laureati con il massimo dei voti e il minimo di dignità".

salva e condividi

Addio meritocrazia. Vuoi sfondare? Segui il modello Ruby & C.

 

Non sono una moralista, però sentire che un concorrente qualunque, di un reality qualunque (il Grande Fratello), in prima serata dica: "Piuttosto che fare il cameriere, preferisco fare il gigolò", mi fa ribrezzo. Come mi fa imbestialire che sul caso Ruby si ricami a tal punto, da trasformare una neo diciottenne, ex lap-dancer,  in un personaggio famoso, regalandole proprio quella notorietà che le ha portato a compiere determinate scelte. Perché deve passare il messaggio delle Ruby, delle Noemi, delle Patrizie (e degli pseudo gigolò da reality) che, invece, di rimboccarsi le maniche, possono facilmente raggiungere soldi e fama con un battito di ciglia?

salva e condividi

Colpi di fulmine supersonici, traditori e gay (secondo Buttiglione)

salva e condividi
Syndicate content