• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

A Monterosso tra rabbia, cori e fango

 

Il giorno di Ognissanti ho preso il treno e sono arrivata a Monterosso. Da La Spezia alle Cinque Terre eravamo in quattro, tutti con il naso appiccicato al finestrino a guardare la cartolina sbiadita di un paradiso che non c'è più (per ora).

salva e condividi

La felicità si può misurare?

Mi sono stufata degli indici di felicità. Non posso credere che, se una persona vive in un Paese piuttosto che un altro, potrà stare meglio o peggio calcolando soltanto alcuni semplici parametri. Non fraintendetemi. E' chiaro che un ambiente salubre, una situazione economica buona, la salute influenzino il nostro status (e anche il nostro umore), ma non esageriamo con le categorie.

salva e condividi

Privacy sul web violata, hacker all'attacco

PUBBLICO PEZZO USCITO SU QN IL 30 OTTOBRE 2011

Che ne pensate della privacy sul web? E' davvero così minacciata? Al di là dei dati riportati nel mio pezzo qui sotto e la disavventura del nostro cronista, credo che un po' di colpa sia nostra. Che, non accettiamo 'caramelle dagli sconosciutii' nella vita reale, ma siamo molto meno diffidenti sul web. Perché, poi? La discussione è aperta.

salva e condividi

Monterosso, il paradiso non c'è più

"A Monterosso si fa il bagno fino a novembre". E' questo il mantra che il mio ragazzo, spezzino, ogni anno mi ripete fino allo sfinimento. E io, di solito, mentre raggiungo le Cinque Terre da Bologna col cappottino addosso, me la rido, incredula. Poi, puntualmente, arrivata a destinazione, mi devo ricredere. Giacca in macchina, costume d'ordinanza e un bel tuffetto nelle ore più calde. Quest'anno quel tuffo non sarà possibile. E neanche il solito piatto di muscoli (cozze) accompagnato dal vino bianco delle Cinque Terre. Quest'anno, parafrasando il sindaco Angelo Betta, "il paradiso non c'è più".

salva e condividi

La (ridicola) rivolta degli uomini beta

Voi, donne agguerrite, è ora che cambiate musica. Il 'Se non ora quando' e movimenti simili sono niente in confronto alle nuove rivolte portate avanti dagli uomini 'beta'. Gruppo sociale o di genere, a quanto dice il fondatore del neo-movimento, Fabrizio Marchi, in contrapposizione con lo strapotere femminile. Sì, riporto la frase usata da Marchi: 'strapotere femminile'. Non so dove lo veda questo strapotere (almeno in Italia), dove le donne che contano qualcosa restano sempre una minoranza (a proposito, a parte Emma Marcegaglia chi vi viene in mente?)...

salva e condividi

Cuba, addio a Laura Pollan. Yoani Sanchez la ricorda su Twitter

Laura Pollan, la leader delle 'Damas de blanco', moglie di Hector Maseda, ex prigioniero politico, è morta a 63 anni. Dopo una vita di battaglie, dissidente a Cuba per aver chiesto la liberazione di 75 prigionieri politici, si è spenta. E Yoani Sanchez, la blogger di Generazione Y, la più famosa dell'Avana (e non solo), annuncia il luogo dei funerali su Twitter. Stessa isola, due donne, alcuni obiettivi in comune, due diverse generazioni: la Pollan, classe 1948, la Sanchez, nata nel 1975. Probabilmente due modi diversi di manifestare il proprio dissenso al regime. Probabilmente due facce della stessa medaglia. Chissà che il patrimonio del passato non possa dialogare con la lotta per il futuro. A Cuba, ma anche nel mondo.

Ps: Questioni di cuore è anche su Facebook

salva e condividi

"E se Steve Jobs fosse nato a Napoli?"

Stavo leggendo gli ultimi tweet prima di andare a dormire, quando sono rimbalzata in un link che mi ha fatto desistere: 'Se Steve Jobs fosse nato in provincia di Napoli'. Ho cliccato e ho letto il post di tale Antonio Menna, blogger e giornalista precario campano, e ho cambiato idea. Non dormo più, col cavolo.

salva e condividi

Donne, dal Nobel alle frustate

salva e condividi

Gli Apple store non sono chiese

 

Si può scambiare un Apple store con una chiesa, un tempio o qualcosa di simile? A ben guardare la miriade di foto Reuters, Ansa e Ap di ieri, direi di sì.

salva e condividi

Non aggiungiamo altro orrore all'omicidio di Meredith

Amanda, Amanda, Amanda. Non si parla d'altro se non di Amanda. Amanda qui, Amanda là. Amanda diventerà una star (l'ha detto Donald Trump, mica un 'poveraccio' qualunque). Amanda ha fatto questo. Amanda ha fatto l'altro. Amanda era vestita così. Ha detto così. Ha scritto così. Di Raffaele, relegato a Bisceglie, nella villa-bunker del padre, non si parla invece granché. Dicono che abbia mangiato un pranzo di pesce per festeggiare e abbia visto il mare. Sì, il mare. In realtà condivido la scelta del giovane pugliese.

salva e condividi
Syndicate content