• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

'Togliete i libri alle donne e torneranno a fare figli'. Rivolta su Twitter

Pubblicato da Rosalba Carbutti Mer, 30/11/2011 - 22:54

Leggo per caso su Libero questo meraviglioso titolo e penso sia uno scherzo: 'Togliete i libri alle donne e torneranno a fare figli'. Purtroppo leggo oltre, cioè fino all'ultima riga del pezzo di Camillo Langone e mi rendo conto che il titolo è quasi morbido rispetto al pezzo. Sì perché Langone dopo aver ammesso di essere xenofobo, di vivere un incubo quando prende i treni regionali in partenza da Bologna perché circondato da stranieri, semplifica la bassa natalità italiana (pari a una media di 1,31 pargoli) con un ragionamento da far accaponare la pelle: colpa dell'istruzione. Per dare un senso a ciò che dice, cita uno studio della Harvard Kennedy School che ha dimostrato la stretta correlazione tra scolarizzazione femminile e declino demografico. Langone, felice di cotanta relazione, probabilmente si è ringalluzzito e ha chiuso il suo mirabolante articolo dicendo (cito alla lettera): 'Il vero fattore fertilizzante è la bassa scolararizzazione e se vogliamo riaprire qualche reaparto maternità bisognerà risolversi a chiudere qualche facoltà'.

Sì, ha scritto proprio così. Per lui il mondo ideale (e per evitare di essere circondati da frotte di extracomunitarie prolifiche) la soluzione è semplice: bruciamo i libri, segreghiamo le donne in cucina e lasciamole spignattare in santa pace. Solo così, forse, incolte e ignare, dopo pomeriggi incollate ai programmi spazzatura del pomeriggio, tra una televendita e una torta, si sentiranno pronte a riprodursi allo stesso ritmo delle donne straniere che hanno una media di 2,23 figli ciascuna. Solo così, secondo il nostro eroe, potremmo raggiungere tre obiettivi in un colpo solo: evitare di essere invasi dagli immigrati, ripopolare le nostre culle e, infine, togliere alle donne quell'emancipazione che tanto spaventa gli uomini incapaci di relazionarsi con qualcuna che non faccia la calza.

Vi rendete conto? Siamo nel 2011 e c'è gente scolarizzata (ebbene sì, da come scrive Langone è scolarizzato) che la pensa così. Chi lo conosce dirà che ha scritto le sue due cartelle soltanto per provocare. Ma se anche fosse, chi avrebbe mai il coraggio di scrivere cotante sciocchezze senza pensarle?

Langone, forse, pur essendo scolarizzato, non sa che esistono alcune parole magiche per far sì che noi donne, altrettanto scolarizzate, scodelliamo pargoli e facciamo carriera. C'iscriviamo all'università e impariamo a cucinare manicaretti. Vedi alla parola welfare, parità di genere (di stipendio e opportunità). Ma per Langone tutte queste parole sono vuote. A lui chiedo di appendere la clava da uomo primitivo al chiodo ed evolversi andando su Twitter. Il suo articolo da età della pietra troneggia tra i trending topic di Twitter. Non vorrei essere in lui, già linciato (almeno virtualmente) da frotte di donne (e uomini) evoluti.

Vi lascio i primi tweet che ho trovato, esilaranti quasi quanto la teoria di Langone.

smenichini: 'No, scusa caro, ho mal di testa e poi devo finire questo libro'. Mi sa che a Langone l'hanno detto molto spesso

sabrarola: Ho letto la lista della spesa ed ho quasi abortito

Iddio: Ammesso che quella stronzata volesse essere una teoria seria, magari bastasse un po' d'istruzione per fermare la sovrappopolazione

grazianocozzi: Langone sta diventando famoso per aver detto una minchiata. Non è l'unico in Italia

maurett: "La mamma di Langone era meglio se leggeva qualche libro in più" (da giornalettismo)

AndyViolet: Domani vi aspetto alla presentazione del mio nuovo libro al reparto di ginecologia del Cardarelli. Non mancate.

framino: I movimenti pro-life organizzeranno campagne contro l'accesso delle donne in biblioteca

antonio menna: Comunque, caro Langone i figli più coglioni sono quelli che crescono in case senza libri.

framino: Visto che la Chiesa vieta il preservativo, le donne in questi anni usavani i libri come contraccettivo. Poi è arrivato Langone

AndyViolet: Secondo langone la Durex, la Hatù e la Akuel sono famose case editrici.

Non continuo. Se avete qualche altra perla, commentate.

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.