• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Paola, 40 anni, giornalista precaria, fa lo sciopero della fame e della sete

Pubblicato da Rosalba Carbutti Dom, 14/11/2010 - 03:20

Nel post precendente parlavo dell'ingiustizia di fronte a colleghe giornaliste preparate e condannate a un precariato a vita e quello delle Ruby che hanno scelto varie scorciatoie per girare in Ferrari. Ecco sono rimasta sbalordita dal fatto che proprio ora apprendo che Paola, la giornalista 40enne rimasta senza contratto perché a lei è stato preferito un collega senza esperienza, ha deciso di farsi sentire con una soluzione drastica: lo sciopero della fame e della sete. Sono rimasta senza parole. E preoccupata di quanto una situazione d'incertezza, precariato e mancanza di futuro possa esasperare a tal punto da perdere di vista la cosa più importante: la salute. Spero che Paolo si rialzi, domani mattina, e cambi idea. Che trovi un altro modo per alzare la voce. Paola dice: "se accetto in silenzio di essere trattata da giornalista di serie B, nessuno farà mai niente per considerarmi in modo diverso". Può darsi, ma è tutto qui il mondo? Paola, lo dovresti sapere: la tristezza di non avercela fatta (ancora) nonostante il sudore sulla fronte, non significa né che sei una giornalista di serie B, né che hai rotto definitivamente i ponti con il tuo futuro. Ripensaci, per favore.

Ecco qui, alcuni link (ma sono molti di più) che fanno capire il tam tam che è nato in Rete:

- diario virtuale di Paola

http://paolacars.tumblr.com/post/1565884780/sciopero-della-fame-e-della-sete-dopo-le-prime-24?ref=nf

- blog dell'Espresso di Alessandro Gilioli

 http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2010/11/13/precariato/

- blog di Macchianera oscurato per solidarietà

http://www.macchianera.net/

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.