• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Un' Aida virtuale. E virtuosa.

Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4

salva e condividi

Un modo diverso di viaggiare. E perché no? Enrico Brizzi, scrittore e viandante.

           Viandanti. Pellegrini. Persone in cammino. Parole desuete, forse fuori moda. Il mondo è oggi delle autostrade, dei Suv, degli aerei. E’ un mondo dove è più facile andare a Mosca, o a New York, che in un paesino del Sannio.  

 

salva e condividi

Notizie bomba di mercato del Milan

Mi ha stupito la notizia di Beckham al Milan, da gennaio. Ma in effetti, non più di tanto. Beckham è quello di cui George Best – il più grande mito britannico dopo i Beatles – ha detto: “Non ha il sinistro, non ha il colpo di testa, non sa contrastare, segna poco. A parte questo, è un buon giocatore”. A parte questo, Beckham porta con sé in dote Posh Spice, la più carina delle Spice Girls, e un nome che è un’attrazione mediatica.

salva e condividi

Tu vuo' fa il partigiano

salva e condividi

Orlando contro il cielo

Bene. Ce l’ha fatta, Silvio.

 

Ha preso un aereo, è tornato da Roma a Venezia, atterrando a Verona, precipitandosi prima in un’auto, poi in un motoscafo, poi in una stanza d’albergo dell’Excelsior. E ha vinto la Coppa Volpi come miglior attore, alla Mostra del cinema di Venezia.

 

salva e condividi

Selvaggia, una fiorentina a Bollywood

E’ fiorentina, si chiama Selvaggia, dirige un festival di cinema indiano a Firenze, ed è diventata “attrice per caso” in un film di Bollywood. Uno di quei film che si producono in India, e che fanno impazzire folle di spettatori, come da noi non se ne vedono più. Una vera e propria commedia-blockbuster, prodotta dalla Warner Bros India, che sta per uscire a Delhi, a Mumbai e in tutto il subcontinente indiano.

salva e condividi

Vivere da adulti, soffrire come bimbi

Un uomo sta morendo, in una notte qualunque di carnevale. Una cittadina di provincia. L’esattezza feroce. La semplice banalità, implacabile, dei dettagli ospedalieri. Il silenzio intorno. Il silenzio di tutto un resto del mondo che non può essere coinvolto da un dramma tutto privato. La protagonista, la figlia di quell’uomo. Lei, che in quella notte beve tutto intero il dolore. E osserva lo scivolare dell’uomo verso il confine.

salva e condividi

Ciao Idolina

Ricevo, e faccio rimbalzare, le righe che Fabio Norcini, giornalista e ostinato cultore dei rapporti umani, ha scritto per un'uscita di scena passata sotto silenzio.


Ciao Idolina

 

salva e condividi

Parare la vita. Giuliano Sarti, una storia vera

             “Guardi, no, domani non posso. Ho da fare delle cose importanti. Non so se ho tempo, domani”. E tira fuori di tasca un foglietto di bloc notes. C’è scritto: pomodori, zucchine, uova, zucchero. Ti guarda negli occhi, con quegli occhi chiari, sorride e dice: “Cosa le dicevo?

salva e condividi

Che c'entrano Paolo Rossi e De Niro?

Quattro giorni di calcio vissuti in un modo diverso. Quattro giorni di calcio visto attraverso i film. Ma anche visti attraverso i racconti dei protagonisti. La rassegna “Goal! Storie di calcio, storie di vita”, diretta da Giovanni Bogani, ha proposto film ma anche incontri, presentazioni di libri, mostre. Tutto al Museo del calcio di Coverciano, e tutto ad ingresso libero.

salva e condividi
Syndicate content