• REGISTRATI!
  • Già registrato? ACCEDI!
Registrarsi consente di pubblicare i tuoi commenti o di aprire il tuo blog

Login utente

header

Turchia punta dell'Occidente

Pubblicato da Lorenzo Bianchi Gio, 17/11/2011 - 23:18

 L’ASSALTO alle ambasciate dei Paesi «nemici» del regime siriano ormai è un  appuntamento quotidiano. Ieri sono state prese di mira le sedi diplomatiche  del Qatar, degli Emirati Arabi Uniti e del Marocco, «reo» di ospitare il  vertice dei ministri degli esteri della Lega Araba. «Circa un centinaio di  persone - racconta alla France Presse il titolare della legazione di Rabat,  Mohammed Khassasi - ha manifestato davanti all’Ambasciata gettando sassi e  uova contro la cancelleria».  La bandiera è stata ammainata. La stessa sorte  era toccata lunedì alla sede diplomatica giordana. Al posto del vessillo  della monarchia hashemita era stato issato quello degli Hezbollah libanesi . Lunedì 15 novembre, poche ore prima dei blitz, il viceministro degli esteri Faisal Mikdad  aveva promesso che le aggressioni di sabato sarebbero rimaste un episodio  isolato.

 Poco convinta dalle rassicurazioni, la Francia ha ritirato il suo  ambasciatore Eric Chevallier. Le bande dei miliziani fedeli a Bashar  al-Assad, gli Shabbiha, erano scese in piazza a Damasco e a Latakia per  celebrare l’anniversario del golpe che nel 1970 portò al potere Hafez  al-Assad, padre del presidente in carica. Le notizie che filtravano dalla  capitale marocchina hanno infiammato gli animi. In particolare Al Jazeera  aveva trasmesso l’informazione che i ministri degli esteri stavano  discutendo l’invio di una forza di interposizione della Lega Araba, un  contingente simile a quello inviato in Libano nel 1976 nel tentativo di  fermare la guerra civile.  

 IL VERTICE si è concluso invece con l’ennesimo rinvio. Ad Assad sono stati  concessi altri tre giorni per «fermare la sanguinosa repressione» contro il  suo popolo. In caso contrario subirà «sanzioni economiche», ha annunciato il  premier del Qatar Hamad Ben Jassem. Damasco, aveva tuonato il ministro degli  esteri turco Ahmet Davutoglu, che partecipava al vertice di Rabat, «pagherà  a caro prezzo» le cataste di morti, 376 dal 2 novembre (26 sarebbero  bambini).  Nella notte un commando del Libero Esercito della Siria, la  formazione armata nella quale sono confluiti 40 mila militari che hanno  disertato, ha preso di mira a colpi di mitra e di lanciarazzi una sede  dell’intelligence dell’Aeronautica ad Harasta, a nord di Damasco . Sei  militari lealisti sarebbero stati uccisi. Si sono alzati in volo diversi  elicotteri. La zona è stata subito isolata.

 Gli Stati Uniti hanno condannato  l’azione: «La violenza fa il gioco del regime». Per la prima volta i soldati  ribelli hanno aperto il fuoco contro il famigerato controspionaggio  militare. Ora li comanda, dalla Turchia, il colonnello Riad as-Saad.  L’ufficiale ha costituito un consiglio militare provvisorio che non accetta  l’adesione di iscritti a partiti politici o di militanti islamici. La  repressione degli apparati fedeli a Bashar al-Assad ieri avrebbe provocato  altre 20 vittime. Dopo quello con il Libano è stato minato anche il confine  con la Giordania a sud di Daraa, la culla della ribellione.

salva e condividi

Commenta questo intervento

ATTENZIONE: la pubblicazione dei commenti è riservata ai soli utenti registrati. Per effettuare la registrazione è necessario cliccare sul pulsante "Da▼" che si trova in cima al modulo sottostante, e poi selezionare una delle opzioni di autenticazione.
I commenti inseriti saranno pubblicati direttamente su questa pagina. La redazione si riserva di cancellare tutti i messaggi ritenuti offensivi o diffamatori.